Beppe Vessicchio in primo piano

A un mese esatto da quello che sarà il giorno della finalissima della 71esima edizione del Festival di Sanremo, parla il maestro Beppe Vessicchio che non solo ha confermato che ci sarà ma ha anche confidato una sua speranza per il futuro del mondo dello spettacolo.

In attesa dell’inizio della Kermesse, continuano a circolare delle informazioni su come sarà il Festival, ultima quella che vede la presenza di Ornella Vanoni.

Vessicchio ci sarà

Beppe Vessicchio, storico volto del Festival della canzone italiana, ha confermato che anche stavolta ci sarà e che ne è ben contento. Certo, sarà un Festival diverso, soprattutto per quanto riguarda la questione pubblico, ma questo non sarò un ostacolo.

Sono dispiaciuto per l’assenza di pubblico ma contento che il Festival si faccia comunque” ha detto il maestro, che guiderà l’emergente Elena Faggi nel suo brano Che ne so, “Una cosa è certa: di una ventata di leggerezza e di un po’ di musica abbiamo tutti bisogno. Non fare Sanremo sarebbe stato un delitto, soprattutto per le Nuove Proposte. Perché i Big spesso vanno a Sanremo per una conferma o una rinascita ma i Giovani ci vanno per nascere. E bloccare una nascita non è mai una cosa felice” ha detto all’AdnKronos.

La speranza di Beppe Vessicchio

Il maestro si è detto fiducioso per il futuro del mondo dello spettacolo, sperando in una ripartenza ovvero che: “Il giorno della finale, il 6 marzo, si possa annunciare agli italiani, proprio dal palco di Sanremo, la riapertura al pubblico con distanziamento di tutte le sale: i teatri, i cinema e le sale da concerto”.

L’assenza del pubblico in sala, ha spiegato il maestro, sarà più difficile per i conduttori che per i cantanti, abituati a registrare video in uno studio. “Per i conduttori l’assenza del pubblico sarà molto più difficile da gestire.

(…) Penso ad Amadeus e soprattutto a Fiorello. Comunque se Fiorello avesse bisogno, mi ci siedo io in platea a fargli da sparring partner sulle battute”.

Sanremo, approvato il protocollo Rai: cosa succede in caso di Covid

Ornella Vanoni sul palco di Sanremo

Il palco dell’Ariston vedrà il ritorno di una grande artista, Ornella Vanoni. Ad annunciarlo è stato lo stesso Amadeus in collegamento con Italia Sì, tornerà come ospite per promuovere l’ultimo album Unica.

Sempre a Marco Liorni, Amadeus ha ribadito che, nonostante le voci che si sono rincorse nei giorni scorsi, non ha mai pensato di lasciare il timone del Festival.

Fare Sanremo è un privilegio, mi hanno dipinto come ‘nervoso’, in realtà non lo sono mai stato. Lo dico subito: non ho mai voluto abbandonare Sanremo. Ci lavoro da maggio, ho ascoltato 960 canzoni dei giovani, 300 dei big. Figuriamoci se nella mia testa è passato anche solo per un secondo l’idea di non fare Sanremo. Mai e poi mai. E poi ci sono 300 persone che stanno costruendo un palco bellissimo dal 2 di gennaio, è una cosa bellissima e si va avanti”.

Noi siamo anche contenti di quello che sta accadendo: se chiudere l’Ariston può servire in qualche maniera, e noi lo crediamo fortemente, a riaprire i teatri e i cinema, noi siamo felicissimi.

Questa è la cosa più importante. (…) Noi ci proviamo a fare Sanremo anche senza pubblico, perché c’è il nostro entusiasmo e poi le persone che stanno a casa faranno sì che non si sentirà la mancanza del pubblico”. Amadeus ha anche voluto stuzzicare i fan dicendo di aver contattato Vanessa Incontrada ma che non intende, al momento, dire di più.

Approfondisci:

TUTTO SUL FESTIVAL DI SANREMO

Sanremo: Giovanna Civitillo, moglie di Amadeus, al timone di PrimaFestival