Ilenia Fabbri

Sono trascorsi 10 giorni da quell’alba di sangue e orrore a Faenza, quando la 46enne Ilenia Fabbri è stata uccisa nella sua abitazione, e le indagini hanno subito una prima svolta con l’apertura di un fascicolo a carico dell’ex marito della donna, Claudio Nanni, indagato per omicidio pluriaggravato in concorso con persona ignota. Un delitto su commissione, tra le ipotesi della Procura che lavora incessantemente a risolvere il caso. Poche ore fa, una vicina di casa della vittima ha svelato cosa ha sentito alle prime luci di quel 6 febbraio. E in un audio spuntano le parole dell’ex marito e della figlia nei drammatici minuti che seguono l’allarme lanciato dall’amica di quest’ultima.

La testimonianza della vicina di casa di Ilenia Fabbri

Cosa è successo davvero nella casa di Faenza in cui si è consumato l’omicidio di Ilenia Fabbri? Gli inquirenti lavorano da giorni alla ricerca di elementi che ricalchino in modo nitido i contorni del delitto, per cui non sarebbe esclusa la pista di un crimine su commissione.

E nella ricostruzione di quella manciata di minuti in cui si sarebbe concluso l’orrore si innesta la testimonianza di una persona che risiederebbe vicino all’abitazione della 46enne, affidata ai microfoni di Pomeriggio Cinque.

Secondo il racconto, il silenzio del mattino del 6 febbraio, intorno alle ore 6, sarebbe stato infranto da urla di donna” e “rumori di mobili che si spostano tali da svegliare i vicini.

Aiutatemi“: sarebbe questa la parola udita da chi abita in quella via. “Dopo siamo andati a suonare, bussare – ha dichiarato la vicina alla trasmissione – non apriva nessuno. Abbiamo telefonato, ma Ilenia non rispondeva. Siamo andati nel garage e lì la porta era aperta. Ho pensato che stesse male, ho detto ‘magari è Arianna che urla’, perché non era la voce di Ilenia.

Alle 6.15 è arrivata la figlia Arianna, l’ex marito non l’ho visto“.

Le parole dell’ex marito e della figlia in un audio registrato in auto

Nelle mani della Procura di Ravenna ci sarebbe un audio che documenterebbe la conversazione tra figlia ed ex marito della vittima dopo l’allarme ricevuto dall’amica della ragazza, rimasta a dormire in quella casa e terrorizzata da quanto stava accadendo all’interno.

Una registrazione di circa 20 minuti che sarebbe stata cristallizzata da un’app che l’uomo, da tempo, avrebbe installato nel suo telefonino. Al padre, riporta Repubblica, la figlia della 46enne avrebbe urlato di accelerare per tornare indietro – i due si sarebbero trovati in viaggio verso Milano per ritirare una vettura – mentre l’uomo avrebbe sussurrato la frase “Oddio, mi sento male“.

La ragazza avrebbe anche chiesto all’amica – che nel frattempo si sarebbe barricata in una stanza di quella casa di via Corbara – di verificare cosa stesse succedendo: “Prendi l’attizzatoio da camino e va giù a vedere“. Sono le parole, scrive Il Resto del Carlino, a cui Claudio Nanni avrebbe posto una sorta di “freno” invitando la giovane a restare chiusa in camera.

I funerali di Ilenia Fabbri

I funerali di Ilenia Fabbri sono stati celebrati a Faenza ieri, 15 febbraio.

Il feretro, riporta Ansa, sarebbe stato accolto da un gruppo di amiche della 46enne che le avrebbero reso un omaggio indossando le scarpe rosse, simbolo della lotta alla violenza sulle donne.

La figlia avrebbe letto un messaggio in ricordo della madre, e alcuni avrebbero notato la presenza dell’ex marito, attualmente indagato a piede libero.