uomini e donne 14 aprile

A Uomini e Donne, nella puntata di oggi 14 aprile, il tronista Giacomo ha avuto un altro confronto con la corteggiatrice Carolina, che è scoppiata in lacrime.

La puntata del 13 aprile di Uomini e Donne ha saputo trasmettere tante emozioni ai telespettatori, tra cui una romantica proposta di matrimonio per una coppia del passato. Ma anche Massimiliano è stato protagonista della puntata con le sue tre corteggiatrici.

Uomini e Donne, puntata di oggi 14 aprile: Carolina in lacrime

Nella puntata di Uomini e Donne del 14 aprile, il tronista Giacomo non è stato chiamato a centro studio, ma è stato comunque protagonista di uno scambio d’opinioni con la corteggiatrice Carolina.

La ragazza era in lacrime per la discussione avuta in precedenza col tronista e Giacomo ha voluto sapere perché. La ragazza ha replicato, che le parole del tronista l’avevano particolarmente colpita, in quanto riprendevano una critica che si sente fare spesso: “Mi ha colpito dove mi fa male“.

Giacomo, però, non si è lasciato coinvolgere dalla tristezza della ragazza: “Capisco che una persona ci può rimanere male, ma non capisco te in questo momento“, scatenando la replica stizzita di Carolina: “Io non sono una bambola che fa quello che dici tu“.

Nuova coppia: Francesca e Amodio

Nella puntata di Uomini e Donne del 14 aprile è stata presentata al pubblico una nuova coppia. Amodio, dal 12 marzo, ha cominciato una conoscenza con Francesca.

Entrambi i protagonisti del parterre hanno dichiarato di essere piuttosto soddisfatti da questa conoscenza in corso. Il Cavaliere ha ammesso che la Dama gli piace molto: “Una bellissima donna, spero che sia una bella storia, è una cosa che cerco“.

Anche Francesca ha utilizzato parole importanti: “Sono rimasta colpita dallo sguardo e dagli occhi puliti...Vorrei trovare una persona per sempre… Avere una mia famiglia, un matrimonio“.

La Dama ha raccontato che tra di loro ci sono già stati dei baci.

Approfondisci:

Chi è il tronista Giacomo?

Giacomo nella bufera, le corteggiatrici lasciano lo studio