News

Ciro Grillo, la madre lo difende sui social di Maria Elena Boschi: la reazione della politica

Maria Elena Boschi risponde alla madre di Ciro Grillo, che sul profilo fb della politica ha commentato difendendo il figlio
ciro grillo beppe grillo maria elena boschi

Non si placa il polverone sulla vicenda “Ciro Grillo” dopo la diffusione del video del padre del ragazzo, il fondatore del MoviMento 5 Stelle, Beppe Grillo, che ha inveito contro la richiesta di rinvio a giudizio dei 4 ragazzi accusati di stupro ed ha fatto diverse dichiarazioni che vorrebbero presentare la vittima come rea di aver avuto un comportamento sospetto.

Sul caso si sono esposti, a difesa o contro le parole di Grillo, sia esponenti del Movimento 5 Stelle che politici di altri partiti. Tra questi anche Maria Elena Boschi, che ieri ha pubblicato un video in cui prende le difese della presunta vittima.

Sotto al post, pubblicato su Facebook, è comparso anche un commento della madre di Ciro Grillo e moglie del comico genovese, che ha preso le parti del ragazzo.

Ciro Grillo: cosa si sa della denuncia della giovane modella

4 ragazzi accusati di violenza sessuale, una presunta vittima che ha denunciato i fatti avvenuti in vacanza a pochi giorni dall’avvenimento e l’esplosione mediatica del caso, inevitabile per via del fatto che uno dei ragazzi è figlio di un famosissimo: Ciro Grillo è figlio di Beppe, il fondatore del MoVimento 5 Stelle.

Nei mesi di indagini che sono seguiti alla denuncia sono emersi man mano piccoli dettagli che hanno fatto comprendere all’opinione pubblica la drammaticità ed al contempo la complessità della vicenda: sono spuntati video, foto e materiali come intercettazioni che sono stati usati sia dall’accusa che dalla difesa e da entrambe ritenuti fondamentali a giustificare le loro tesi. In questi giorni è arrivata la notizia della richiesta, da parte dei Pm di Tempio Pausania, del rinvio a giudizio per violenza sessuale di gruppo per Ciro Grillo e gli altri indagati.

Ciro Grillo, la madre lo difende: “C’è video che testimonia l’innocenza”

Le accuse sono forti: di due ragazze conosciute al Billionaire, in Sardegna, e che poi si sarebbero recate con il giovane Grillo e 3 amici dello stesso nella casa estiva della famiglia del comico, una sarebbe stata costretta a bere enormi quantità di vodka allo scopo di stordimento e poi sarebbe stata costretta a ripetuti rapporti sessuali con i 4 ragazzi. Al centro delle indagini ci sarebbe un video che, a seconda che a parlarne sia la difesa o l’accusa, smentirebbe o confermerebbe le violenze.

In un video pubblicato ieri, aria Elena Boschi aveva criticato aspramente i commenti di Beppe Grillo sulla vicenda. Oggi, Parvin Tadjik ha voluto commentare sotto il video: “C’è un video che testimonia l’innocenza dei ragazzi, dove si vede che lei è consenziente. La data della denuncia è solo un particolare”.

Ciro Grillo, la reazione di Maria Elena Boschi

Maria Elena Boschi ha deciso di rispondere in modo estremamente esplicito, con un nuovo post in cui parla direttamente alla donna: “Io non faccio il processo sui social, gentile signora. Le sentenze le decidono i magistrati, non i tweet delle mamme.

Questo modo di concepire la giustizia, giocandola sui social e non nelle aule di tribunale, è aberrante”. Inoltre, afferma: “Per me suo figlio Ciro è innocente fino a sentenza passata in giudicato. Suo marito Beppe invece è colpevole di aver creato un clima d’odio vergognoso. Odio contro di me, contro mio padre, ma soprattutto contro tanti italiani che non possono difendersi perché privi della stessa visibilità di suo marito. Giustizia, non giustizialismo”.

maria elena boschi post ciro grillo
Il post di risposta di Maria Elena Boschi alla madre di Ciro Grillo

Boschi si riferisce infatti al caso Banca Etruria ed alle accuse fatte a suo padre al tempo, e a questo riguardo commenta quale fu l’atteggiamento di Grillo in merito: “Ed è ciò che suo marito Beppe ha sempre fatto con i suoi seguaci: si chiama giustizialismo.

Io invece aspetto e rispetto le sentenze, come tutti i cittadini. Quando mio padre è stato indagato, Grillo e i grillini lo hanno massacrato. Noi abbiamo aspettato le decisioni dei giudici, rispettando il loro lavoro. E alla fine è stato archiviato. Aspetti il processo anche lei e spieghi a suo marito che è meglio credere nella giustizia anziché fomentare l’odio con il giustizialismo”.

Potrebbe interessarti