Programmi TV

Morte Nicola Pontoriero, il dolore per la scomparsa a Mattino Cinque: “Era una persona buonissima”

Con dolore Federica Panicucci e Francesco Vecchi hanno voluto dire addio in quel di Mattino Cinque al collega Nicola Pontoriero, morto a Stresa mentre stava lavorando per Mediaset
Morte Nicola Pontoriero, il dolore per la scomparsa a Mattino Cinque: "Era una persona buonissima"

Quest’oggi con parole commoventi e immagini, in quel di Mattino Cinque, i conduttori Federica Panicucci e Francesco Vecchi hanno voluto rendere omaggio ad un collega, il 62enne Nicola Pontoriero. L’operatore televisivo morto sul campo mentre si trovava per lavoro a Stresa per le riprese della strage del Mottarone.

Nicola Pontoriero, l’operatore Mediaset morto a Stresa mentre lavorava

Noi vogliamo ricordare con queste immagini Nicola Pontoriero, un operatore che ha lavorato tantissimi anni a Mediaset e purtroppo è mancato ieri mentre lavorava sullo scenario della funivia“, con queste parole è iniziato il lungo omaggio che si è voluto dare a Pontoriero in quel di Mattino Cinque.

Il 62enne, come si ha avuto notizia ieri, è morto dopo essere stato colpito da un arresto cardiaco, proprio sul luogo di lavoro.

Il ricordo di Federica Panicucci e Francesco Vecchi: “Una persona buonissima

È morto sul campo, come scriverebbero quelli bravi, facendo il suo lavoro, il nostro lavoro, con passione, con umiltà e professionalità, come solo quelli bravi sanno fare.

 Si è fermato solo quando il suo cuore si è fermato“, scrivevano ieri i giornalisti di TgCom24 ricordando l’uomo e il collega, un uomo che ha amato sino all’ultimo il suo lavoro. E così oggi, sulla falsariga, i conduttori Panicucci e Vecchi: “Ha avuto un malore lì a Stresa, lavorava per l’agenzia di news Mediaset, lo conoscevamo bene.

Era una persona buonissima, amante degli animali e ci stringiamo in un abbraccio attorno alla sua famiglia“. Inutili sono stati i tentativi di rianimarlo messi in atto dagli uomini del 118 che già si trovavano sul luogo per la tragedia che ha spezzato la vita a 14 persone, il 23 maggio scorso.

Un dramma nel dramma, quello di una tragedia sulla quale si continua ad indagare e sulla quale continuano ad emergere novità: le ultime arrivate questa notte con l’ammissione da parte di 3 persone che sono state successivamente fermate.

Potrebbe interessarti