little tony e il nipote mirko cassinelli

Mirko Cassinelli, ospite a Domenica In insieme alla sorella Martina e alla mamma Cristiana, racconta del suo rapporto con il nonno, Little Tony, morto nel 2013. Mirko ha quattro fratelli, ama suonare la chitarra e assomiglia in modo impressionante a suo nonno. Oggi, lo ricorda con affetto e tanta ammirazione.

Mirko Cassinelli e la sorella Marta raccontano del nonno a Mara Venier

Mirko Cassinelli ha 20 anni e vive a Roma. Dal nonno non ha ereditato solo i tratti somatici, ma anche il talento per la musica. Infatti, il nipote di Little Tony si diletta con esibizioni alla chitarra. Ai microfoni di Domenica In, ricorda il nonno insieme alla sorella Marta e alla mamma Cristiana.

Il rapporto dell’artista con la sua famiglia era davvero stretto tanto, da essere ricordato come un nonno speciale: “Era molto simpatico, giovanile, si preoccupava sempre per noi – e aggiunge – Quando sei bambino e passi del tempo col nonno pensi che possa essere una persona normale, noi invece abbiamo vissuto questo contrasto tra un nonno e un personaggio famoso“.

Mara Venier si rivolge con affetto alla sorella Marta, chiedendo quale fosse il momento che più le mancava del nonno. Un po’ timida la nipote di Little Tony dichiara: “La domenica a pranzo.

Passavamo veramente un bel momento in famiglia, era importante per lui e anche per noi. “

La figlia di Little Tony, Cristiana, ricorda con commozione il padre

Cristiani Ciacci a Domenica In ricorda il padre e i giorni della sua malattia. Era incinta del quarto figlio quando il re della musica leggera italiana è stato ricoverato d’urgenza: “Non gliel’ho detto. Sapevo che gli mancavano pochi giorni, non volevo dargli un’altra preoccupazione in quei momenti difficili”. Poi rivela alla conduttrice: “Gliel’ho detto dopo, cinque minuti dopo quando siamo rimasti soli… Allora gli ho detto proprio tutto”.

Dopo un momento di forte commozione, la Venier mostra i momenti più belli di quando Little Tony si esibiva proprio a Domenica In. Di quel periodo la figlia ricorda: “Lui voleva proporre cose nuove ogni volta amava reinventarsi, stupire e poi si divertiva”.

Approfondisci

Little Tony, la lotta contro la malattia e la morte per colpa di un brutto male