Il dramma di Eriksen, malore in campo e il gesto dei giocatori

Sono tutti col fiato sospeso dopo il malore in campo per Christian Eriksen, il giocatore danese si è accasciato a terra al 43′ del primo tempo dopo aver accusato quello che sembra essere stato un malore. Dalle immagini riprese dalle telecamere, si vede infatti Eriksen accasciarsi al suo all’improvviso, al punto che sono stati gli stessi giocatore a fermare il gioco e a fare da scudo al compagno steso a terra.

Il malore di Eriksen durante la partita

Christian Eriksen, giocatore dell’Inter danese si è accasciato a terra all’improviso durante il primo tempo. Un malore improvviso che ha fatto immediatamente sospendere il match; creando attimi concitati accompagnati da un silenzio surreale e lacrime di giocatori e tifosi.

Immediatamente Eriksen è stato soccorso e sottoposto a rianimazione cardiocircolatoria con massaggio cardiaco, respirazione e utilizzo del defibrillatore. Eriksen, che fortunatamente ha ripreso conoscenza ha lasciato il campo in barella e con l’ossigeno, ed è stato portato all’ospedale di Copenaghen.

Un momento di grande difficoltà senza notizie certe sulle condizioni del calciatore. La partita è stata sospesa e l’UEFA ha annunciato che a seguito del malore di Eriksen è stata effettuata una riunione di emergenza con entrambe le squadre.

Il momento del malore:

I giocatori hanno fatto da scudo a Eriksen

In attesa di comunicazioni ufficiali sulle condizioni di Eriksen, sui social c’è stato grande apprezzamento per il comportamento onorevole dei giocatori tanto della Danimarca quanto della Finlandia.

Vista la gravita della situazione, i calciatori si sono riuniti intorno a Eriksen steso a terra, nascondendo alla vista le operazioni di rianimazione della squadra medica, facendo da scudo.

Altri invece si sono stretti intorno alla moglie del calciatore, la quale dalla tribuna si è lanciata sul campo angosciata per capire cosa stesse succedendo.

Eriksen ha poi lasciato il campo in barella ma sveglio, arrivando in ospedale in condizioni stabili.