Cronaca

Violenza di genere, 105 le donne uccise in un anno: i dati emersi dal dossier del Viminale

105 donne vittime di omicidio volontario in ambito familiare/affettivo in un anno: è quanto emerge dal report del Ministero dell'Interno
violenza di genere: dossier Viminale

105 donne uccise in un anno, dal 1° agosto 2020 al 31 luglio 2021: è quanto emerge dal dossier pubblicato dal Viminale il 15 agosto, in occasione della tradizionale riunione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica a Palermo. Il rapporto fotografa un calo rispetto all’anno precedente, pari al 13,9%, e punta l’attenzione sugli omicidi compiuti in ambito familiare/affettivo.

Violenza di genere, 105 le donne uccise in un anno: il Dossier Viminale

Secondo il report del Ministero dell’Interno, sono 105 le donne uccise in Italia in un anno, nel periodo compreso tra agosto 2020 e luglio 2021.

Un numero che corrisponde al 38% del totale di omicidi volontari registrati nel Paese. A rivelarlo è il “Dossier Viminale“, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica (Cnosp).

Rispetto all’anno precedente, stando ai dati riportati, c’è stato un calo del 13,9%. Gli omicidi compiuti dal partner o dall’ex partner sono stati 62, quelli avvenuti in ambito familiare/affettivo 88.

Nello periodo d’analisi precedente, tra il 1° agosto 2019 e il 31 luglio 2020, questi delitti sono stati rispettivamente 75 e 108 (per un totale di 122 vittime di sesso femminile).

Dossier Viminale: gli altri dati che emergono dal rapporto

Nello stesso dossier, il Ministero riporta numerosi altri dati che riguardano la sicurezza e i numeri degli omicidi consumati nella nazione nel corso dell’ultimo anno. Le denunce per stalking, secondo quanto emerso, sono state 15.989 e il 74% ha come vittime le donne.

Il “Dossier Viminale” offre una sintesi delle attività e delle iniziative di tutte le componenti del Ministero dell’Interno e affronta il tema della sicurezza “intesa come safety e security – si legge nel rapporto – anche attraverso il confronto, dove possibile, con l’analogo periodo precedente“.

Emerge che, dal 1° agosto 2020 al 31 luglio 2021, in Italia state uccise 276 persone (-6,4% rispetto all’anno precedente). 13 omicidi sono attribuiti alla criminalità organizzata, in calo le rapine (19.975) e i furti (730.061), mentre aumentano le truffe (155.242, +16,25 %). Cresce anche il numero di delitti informatici, che sono stati 202.183 (+27.35%). Per quanto riguarda le scomparse, nell’ultimo anno è stata denunciata la sparizione di 17.156 persone.

Di queste, soltanto 8593 sono state ritrovate. I minori scomparsi sono stati 10.505, di cui 4208 ritrovati.

Potrebbe interessarti