Cronaca dal Mondo

Bimbo di 7 anni muore dopo un bagno nel lago: vittima di un’infezione da ameba “mangia-cervello”

Bimbo di 7 anni vittima di meningoencefalite amebica primaria, infezione fulminante causata dal parassita Naegleria fowleri
bimbo muore per ameba mangia cervello

Una meningoencefalite amebica primaria, infezione fulminante che colpisce il sistema nervoso centrale ed è causata da un parassita noto come ameba “mangia-cervello”, sarebbe responsabile della morte di un bimbo di 7 anni. Il dramma si sarebbe verificato dopo un bagno in un lago, e a nulla sarebbe valso il disperato tentativo di salvarlo. Il bambino è deceduto pochi giorni dopo il ricovero.

Bimbo di 7 anni muore dopo un bagno nel lago per un’infezione da ameba “mangia-cervello”

David Pruitt, 7 anni, è morto in ospedale dopo aver contratto una rara e gravissima infezione che colpisce il sistema nervoso centrale.

Si tratta della meningoencefalite amebica primaria (Map), il cui agente causale è il parassita Naegleria fowleri, noto anche come ameba “mangia-cervello.

Il bimbo, come raccontato dalla famiglia, vi sarebbe entrato in contatto durante un bagno nelle acque di un lago della California e sarebbe stato ricoverato il 30 luglio scorso presso la rianimazione, ma ogni tentativo dei medici si sarebbe rivelato vano. Il minore non ce l’ha fatta e in queste ore è arrivata la notizia del decesso.

Il suo caso si aggiunge ai pochissimi – un totale di 9, a partire dal 1971 – registrati nello Stato.

Con il cuore spezzato – hanno scritto i parenti sulla piattaforma online GoFundMe in cui era stata attivata una raccolta fondi per aiutarlo – comunichiamo che il nostro dolce piccolo David è morto. Ora è tra le braccia amorevoli di nostro Signore e dei membri della famiglia che sono passati prima di lui. Ci rallegriamo nel sapere che non è più nel dolore“.

Cos’è l’ameba “mangia-cervello” che ha ucciso il piccolo David Pruitt

L’ameba “mangia-cervello” è un parassita il cui nome esatto è Naegleria fowleri.

Può causare la meningoencefalite amebica primaria (da non confondere con la meningoencefalite secondaria, provocata invece da Entamoeba histolytica), un’infezione acuta, fulminante e dall’esito rapidamente fatale che colpisce il sistema nervoso centrale. La diagnosi della malattia, spiega l’Humanitas Research Hospital di Rozzano (Milano,) è generalmente tardiva e questo contribuisce alla sua elevata mortalità. Solo pochi individui riescono a sopravvivere all’infezione.

Naegleria fowleri infetta gli esseri umani in acqua dolce e calda (come laghi e fiumi) contaminata dal patogeno quando questa entra nel corpo attraverso il naso, permettendo così al parassita di arrivare al cervello e distruggerne il tessuto.

In rari casi, l’infezione si può contrarre in una piscina in cui l’acqua non sia stata correttamente trattata con il cloro.

Infezione da ameba “mangia-cervello”: incubazione e sintomi

L’ameba “mangia-cervello”, quindi, usa come porta di ingresso le narici e “risale lungo i nervi olfattivi fino al cervello“, spiega un approfondimento del Dipartimento di Sanità pubblica e Malattie infettive dell’Università Sapienza di Roma. L’infezione è fulminante, con periodo di incubazione di 1-22 giorni.

I sintomi sono: forte mal di testa, febbre alta, rigidità del collo, nausea, vomito, stato confusionale, convulsioni, allucinazioni, coma e morte. Non è contagiosa e la letalità, secondo gli esperti, è superiore al 97%. Fino al 2002, sono stati riportati solo 7 casi di sopravvissuti. Il decesso interviene in 3-10 giorni dalla manifestazione dei sintomi e il primo caso umano confermato risale al 1965. Fino al 2010, sono stati registrati 235 casi di MAP con maggior concentrazione tra Stati Uniti, Australia ed Europa.

Potrebbe interessarti