TV e Spettacolo

Michael Schumacher, la moglie Corinna rompe il silenzio anni dopo l’incidente: le sue condizioni di salute

Corinna Schumacher rompe il silenzio sulle condizioni di salute del marito Michael. Il campione di Formula 1 vive da anni lontano dai riflettori dopo l'incidente.
Michael Schumacher

8 anni fa la vita di Michael Schumacher viene sconvolta da un tragico incidente. Il campione di Formula 1 cade durante una discesa sugli sci, battendo violentemente la testa contro una roccia. Il ricovero d’urgenza, il coma farmacologico, il risveglio, la riabilitazione, il ritorno a casa, molto sono le vicende vissute da quel drammatico giorno d’inverno fino a oggi. La famiglia ha sempre voluto mantenere la privacy su di lui, ma ora la moglie Corinna ha deciso di rompere il silenzio.

Michael Schumacher, 8 anni fa il drammatico incidente

Il 29 dicembre 2013, Michael Schumacher sta percorrendo una discesa con gli sci in un fuori pista a Méribel, in Savoia (Francia), quando cade battendo la testa contro una roccia.

Il suo urto viene aggravato dalla presenza di una videocamera sportiva, la cui asta perfora il casco impattando contro il cranio. Ricoverato d’urgenza in stato semicomatoso, viene sottoposto a un’operazione neurochirurgica, per via di un grave trauma cranico.

Dopo 6 mesi di coma farmacologico, si risveglia e viene trasportato in una clinica privata per affrontare un percorso di riabilitazione.

Il 9 settembre 2014 torna a casa, proseguendo qui la sua terapia vicino alla famiglia. La moglie Corinna Betsch e i figli Gina Maria (1997) e Mick (1999) mantengono da sempre il riserbo sulle sue condizioni di salute.

Michael Schumacher, la moglie Corinna rompe il silenzio: le ultime parole prima dell’incidente

Corinna Betsch è la moglie di Michael Schumacher dal 1995. La coppia ha avuto due figli e negli ultimi anni lei è sempre stata al suo fianco, supportandolo nei momenti più complessi conseguenti al drammatico incidente. Per anni ha mantenuto il totale silenzio sulle sue condizioni di salute, ma ora Corinna ha scelto di parlare, per far sapere al mondo come sta l’ex campione di Formula 1.

La moglie dello sportivo ha accettato di prendere parte al documentario su di lui disponibile dal 15 settembre su Netflix.

Michael mi disse che la neve non era ottimale e che avremmo potuto cambiare meta e andare a Dubai a fare skydiving” spiega ricordando una delle ultime conversazioni avute con il marito prima dell’incidente. “Non ho mai incolpato Dio. Si è trattato di sfortuna– ha poi aggiunto- nella vita non si può avere più sfortuna di così”.

“Non avrei mai pensato che potesse succedere qualcosa a Michael– ha ammesso dolorosamente- ma continuiamo a vivere la nostra vita”.

Michael Schumacher, la moglie Corinna si apre sulle sue condizioni di salute

Corinna ha parlato poi delle condizioni di salute del marito. “Viviamo insieme, seguiamo le cure, facciamo tutto affinché Michael stia bene e possa migliorare” ha rivelato. “Vogliamo che senta che la famiglia è unita” ha aggiunto dolcemente. “È evidente che Michael mi manchi tutti i giorni, manca ai nostri figli, manca alla famiglia tutta, a suo padre, a tutti quelli che gli vogliono bene.

Tutti sentiamo la sua mancanza” ha poi ammesso.

“Però Michael c’è, è diverso ma c’è. E questo ci dà forza” ha spiegato. “È importante che continui ad assaporare la sua vita privata per come possibile. Lui ci ha sempre protetti, ora sta a noi farlo ha concluso.

Michael Schumacher, la rabbia dei figli Gina Maria e Mick

Fra coloro che più hanno sofferto per conseguenze dell’incidente a Schumi ci sono purtroppo anche i suoi figli. Gina Maria e Mick erano appena dei ragazzini quando la vita del padre è cambiata per sempre. Oggi hanno 24 e 22 anni e parlando di quanto accaduto a Michael non riescono a non definirlo ingiusto.

Mick, il più giovane dei due, ha scelto di intraprendere la stessa strada del padre inseguendo le sue orme. “Avrei tante cose di cui parlare con mio padre” spiega dolorosamente. “Ora sono in Formula Uno, potremmo discutere di tante cose. Mollerei tutto solo per poter vivere questo ammette Mick.

Potrebbe interessarti