Cronaca Nera

Saman, lettera anonima indica il luogo dove si troverebbe il corpo: “Fatta a pezzi e gettata in acqua”

Nuovi indizi sul destino di Saman Abbas, giovane italo-pakistana scomparsa lo scorso maggio. La studentessa sarebbe stata fatta a pezzi e gettata in acqua, secondo una lettera anonima
saman abbas

Nuove strade si aprono nelle indagini su Saman Abbas, 18enne italo-pakistana scomparsa a Novellara lo scorso maggio. Una lettera anonima recapitata alla redazione de Il Resto del Carlino riporterebbe il luogo di sepoltura della studentessa, che sarebbe stata fatta a pezzi e gettata in acqua. Indagano i Carabinieri, a cui la missiva è stata consegnata, che dovranno anche verificarne l’attendibilità.

Saman Abbas, lettera anonima svelerebbe dove si trova il corpo

La lettera anonima è arrivata nella redazione della testata e conterrebbe informazioni sul destino di Saman Abbas.

In particolare, indica dove si troverebbe il corpo della giovane. “Se volete trovare Saman Abbas dovete cercarla nella zona chiamata Bagna nelle valli tra Novellara e Guastalla. È stata buttata in acqua, tagliata a pezzi per farla mangiare dai pesci e animali“: poche, terribili righe che aprono nuovi scenari investigativi.

Indagano i Carabinieri sulle indicazioni della missiva

Sono ora le forze dell’ordine a dover determinare la veridicità o meno della missiva, verificando se effettivamente il corpo della studentessa italo-pakistana si trova nella località indicata.

Non dobbiamo correre dietro a suggestioni mediatiche. Abbiamo il dovere di agire secondo la logica delle informazioni che ci arrivano e che riusciamo a reperire sul terreno“, ha dichiarato il comandante provinciale dei Carabinieri Cristiano Desideri.

Secondo le ultime informazioni, gli autori del del delitto sono probabilmente fuggiti all’estero. Indagati i genitori di Saman, Shabbar Abbas e Nazia Shaheen. Insieme a loro altri 3 membri della famiglia, latitanti dopo la fuga in Pakistan. Unico arrestato è il cugino 18enne Ikram Ijaz.

Le parole del fratello di Saman confermerebbero la lettera anonima

La possibilità che Saman sia stata fatta a pezzi sarebbe confermata anche dalla versione del fratello. Il 16enne avrebbe riportato conversazioni durante una riunione di famiglia: “Io faccio piccoli pezzi e se volete porto anch’io a Guastalla, buttiamo là, perché così non va bene“, sarebbero state le parole dello zio Danish Hasnain.

Potrebbe interessarti