News

Vaccini, terza dose a over 60 e fragili: c’è il via libera del Ministero. Tutta Italia in zona bianca

Via libera del Ministero alla terza dose di vaccino anti-Covid per over 60 e persone fragili: l'ok arriva nel giorno in cui la Sicilia lascia la zona bianca e tutta Italia si ritrova così in zona bianca
vaccino terza dose, via libera agli over 60

Via libera del Ministero alla terza dose di vaccino anti-Covid: si parte con over 60 e persone fragili. L’ultima circolare chiarisce tempi e modalità della nuova somministrazione. La pandemia in Italia è sotto controllo, afferma il premier Draghi: con il passaggio della Sicilia, ora tutta Italia è in zona bianca.

Terza dose, via libera per over 60 e fragili: si può fare 6 mesi dopo il primo ciclo

Procede a ritmo spedito il calendario della terza dose di vaccino: pochi giorni dopo il semaforo verde a over 80, personale e ospiti delle RSA, è arrivato ora il via libera anche per la seconda fascia interessata dal richiamo.

Alla luce delle ultime deliberazioni di EMA – si legge nella circolare del Ministero – via libera alla terza dose di vaccino per i fragili di ogni età e per tutti gli over 60“. Anche in questo caso viene mantenuta la stessa modalità: la terza dose potrà essere fatta “dopo almeno sei mesi dal completamento del ciclo primario di vaccinazione“.

L’Italia prova quindi a proseguire sul buon lavoro che ha permesso, tra le altre cose, di arrivare al Decreto Capienze che ha allentato ulteriormente le maglie e permesso a cinema e teatri di tornare al 100% dei posti a sedere e alle discoteche di riaprire.

Tuttavia, c’è ancora strada da fare: viene riferito che sono ancora 8,4 milioni gli italiani senza prima dose di vaccino, pari al 15,54% della popolazione vaccinabile. Quasi tre milioni di questi non immunizzati. sono over 50, la fascia critica. Ciò nonostante, Mario Draghi è ottimista: “I nostri sforzi congiunti ci hanno aiutato a tenere sotto controllo la pandemia in molti Paesi e a darci la speranza che la sua fine sia in vista“.

Covid-19, tutta Italia in zona bianca da sabato 9 ottobre

Che la situazione sia diametralmente opposta a quella di 12 mesi fa, quando l’Italia si apprestava per la prima volta a sperimentare il sistema a colori e conoscere nuovi lockdown dopo un’estate di pressoché totale libertà, lo conferma anche il fatto che da oggi tutte le Regioni sono in zona bianca.

Determinante è il passaggio della Sicilia dalla zona gialla a questa con meno restrizioni in assoluto. Ieri il Ministro Speranza ha firmato l’ordinanza, dichiarando: “Adesso tutta l’Italia è in zona bianca, abbiamo fatto un altro passo in avanti.

Dopo le scelte di ieri sulle capienze continua il percorso di graduali riaperture“. Poi ha aggiunto. “Tutto ciò è possibile prima di tutto grazie ai vaccini e ai comportamenti corretti delle persone. Dobbiamo continuare su questa strada“.

Sui vaccini, in un’intervista al Corriere della Sera, ha detto: “Siamo tra i primi Paesi nel mondo, davanti a Germania, Francia e Gran Bretagna“; il Ministro ha poi passato la palla ai medici di famiglia: “Tocca a loro convincere gli incerti. Ogni giorno, vaccino dopo vaccino, avremo uno scudo un po’ più forte per proteggerci dal virus e potremo continuare il nostro percorso di riaperture graduali“.

Potrebbe interessarti