Cronaca Italia

Nuovo digitale terrestre, arriva il cambiamento: quando sarà e cosa succederà alla tv italiana

La transizione al nuovo digitale terrestre sta per avvenire: cosa c'è da sapere su questo cambiamento e come capire se il proprio televisore è adatto o se va sostituito
nuovo digitale terrestre cosa cambia

Il 20 ottobre è la data fissata per il passaggio alla nuova tv digitale. Per affrontare al meglio questa transizione sono stati attivati anche due bonus: ecco cosa succederà a partire da questa data e quali saranno i cambiamenti nella ricezione dei canali.

Nuovo digitale terrestre, cosa cambierà e quali canali non si potranno più vedere

Dal 20 ottobre 2021 inizia il cambiamento della televisione in direzione di una nuova tecnologia. Il primo passo sarà il passaggio di 15 canali all’alta definizione.

Chi possiede un televisore vecchio modello, dunque, da domani non potrà più vedere i seguenti canali:

  • Per la Rai: Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport + HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium, Rai Scuola;
  • Per Mediaset: TgCom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 TV, Virgin Radio TV.

Nuovo digitale terrestre, i bonus e i canali di test

Per affrontare questo primo cambiamento sono stati attivati 2 bonus:

  • Bonus rottamazione tv: permette di ottenere uno sconto del 20% , per un massimo di 100 euro, rottamando un vecchio televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018;
  • Bonus decoder e tv: consente una riduzione fino a 30€ sull’acquisto di un nuovo apparecchio o di un decoder. È riservato alle famiglie con Isee pari o inferiore a 20.000€ ed è cumulabile con l’agevolazione precedente.

Per sapere se il proprio televisore è adatto alla ricezione dei canali in alta definizione o se è necessario sostituirlo, è possibile sintonizzarsi sui seguenti canali HD:

  • 501 per Raiuno Hd;
  • 505 per Canale 5 Hd;
  • 507 per La7 Hd.

Se il proprio apparecchio è in grado di riceverne almeno uno, allora dovrebbe essere idoneo. In tal caso, sarà da risintonizzare a partire dal 20 ottobre.

Nuovo digitale terrestre, che cos’è e perché si cambia tecnologia

Il secondo passaggio alla nuova tecnologia dovrebbe essere concluso entro gennaio 2023.

Mentre al momento si sta transizionando dalla codifica Mpeg-2 a quella Mpeg-4, nel 2023 è previsto il passaggio dal sistema Dvb-T al Dvb-T2, cioè al nuovo digitale terrestre. Ci sono 2 canali di test per capire se il proprio dispositivo potrebbe essere adatto a questa seconda fase:

  • Canale 100 per la Rai;
  • Canale 200 per Mediaset.

Se il proprio televisore mostra la scritta “Test HEVC Main10“, allora dovrebbe essere compatibile con il nuovo digitale terrestre.

Questo cambiamento tecnologico, suddiviso in 2 fasi, ha come conseguenze principali:

  • Il miglioramento della qualità visiva, tramite il passaggio allo standard Dvb-T2, Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial;
  • Permetterà di liberare la “banda 700”, cioè quelle frequenze che saranno destinate alla rete mobile ultraveloce 5G.

Potrebbe interessarti