Politica

Malattie rare, il Testo Unico ottiene l’approvazione del Senato: di cosa si tratta e perché è importante

Il Testo Unico sulle malattie rare è stato approvato dal Senato ed è quindi legge. Ecco quali saranno i prossimi provvedimenti per la piena attuazione e quali effetti avrà per i pazienti
testo unico malattie rare diventa legge

Il Testo Unico sulle malattie rare ha passato l’approvazione del Senato, diventando così una Legge dello Stato italiano. Quali saranno gli effetti di questa Legge e quali potrebbero essere i prossimi passi da compiere per arrivare alla sua piena attuazione.

Testo Unico sulle malattie rare: che cos’è e perché è importante

Il Testo Unico Disposizioni per la cura delle malattie rare e per il sostegno della ricerca e della produzione di farmaci orfani ha il compito di definire in modo organico le malattie rare, così come i diritti dei pazienti e il quadro organizzativo.

I primi effetti pratici sarebbero attesi entro un anno: dal momento della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, infatti, occorrerà procedere alla piena attuazione della nuova Legge. In particolare, sarà necessario:

  • Istituire il Comitato Nazionale per le Malattie Rare, tramite un Decreto del Ministero della Salute, entro 2 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta;
  • Istituire il Fondo di Solidarietà per i pazienti affetti da malattie rare, tramite un Decreto dei Ministeri del Lavoro, della Salute e dell’Economia, entro 3 mesi. Per questo scopo sarebbero attesi 1.000.000€ per il 2022;
  • Approvare il Secondo Piano Nazionale Malattie Rare e definire le modalità di informazione per professionisti sanitari, pazienti e famiglie. Questi accordi dovranno essere presi entro 3 mesi e coinvolgeranno la conferenza Stato-Regioni;
  • Stabilire un Regolamento per gli incentivi fiscali rivolti ai soggetti pubblici e privati che siano impegnati nella ricerca e nella produzione di farmaci orfani. Tale Regolamento coinvolgerà i Ministeri della Salute e dell’Università e Ricerca, ed è atteso entro 6 mesi dalla pubblicazione della Legge in Gazzetta.

Cosa contiene il Testo Unico sulle malattie rare

Con il termine malattia rara si indica una patologia che colpisce 5 persone ogni 10.000. Come riporta l’Ansa, in Italia i malati rari sarebbero circa 2.000.000, la maggioranza dei quali sarebbero bambini. Per loro, il Testo Unico sulle malattie rare dovrebbe agire per:

  • Potenziare lo screening neo-natale e la diagnosi precoce;
  • Potenziare la Rete nazionale delle malattie rare, istituita dalla Legge 279/2001;
  • Assicurare ai pazienti un Piano diagnostico terapeutico assistenziale personalizzato, che sarà redatto dai Centri di riferimento;
  • Uniformare le differenze regionali.

Secondo la nuova Legge, inoltre, il Piano per le malattie rare dovrà essere aggiornato ogni 3 anni. Al momento sarebbero circa 8.000 le malattie rare documentate, alcune delle quali però non avrebbero un nome a causa della loro estrema rarità. Tra i compiti del Testo Unico vi saranno anche assicurare l’immediata disponibilità dei farmaci per i malati rari, istituire un credito d’imposta del 65% delle spese sostenute per i progetti di ricerca sui farmaci orfani e fornire contributi a sostegno di famiglie e caregiver, oltre a favorire l’inserimento lavorativo.

Potrebbe interessarti