Cronaca Italia

Greta Beccaglia, individuato anche il secondo tifoso che avrebbe molestato la giornalista in diretta tv

Parla Greta Beccaglia, la giornalista si è detta commossa per i messaggi di solidarietà ricevuti in questi giorni e ha anche raccontato che cosa è successo oltre la diretta quella sera
Greta Beccaglia

Anche il secondo tifoso che avrebbe molestato la giornalista Greta Beccaglia dopo la diretta, è stato individuato e anche su di lui sono stati emessi provvedimenti. Il primo tifoso si è scusato parlando in diretta radio a La Zanzara, affermando di aver fatto una goliardata, Beccaglia ha commentato le parole dell’uomo e si è detta commossa per l’ondata di affetto e solidarietà ricevuta negli ultimi giorni.

Individuato il secondo tifoso che avrebbe molestato Greta Beccaglia

La polizia ha individuato anche il secondo uomo che avrebbe molestato la giornalista Greta Beccaglia. Si tratterebbe di un tifoso della Fiorentina di 48 anni.

L’uomo è residente a Firenze e anche lui è accusato di violenza sessuale. Il questore di Firenze Filippo Santarelli ha emesso un Daspo di 2 anni.

Greta Beccaglia ringrazia per la vicinanza e l’affetto ricevuti

Al Corriere della Sera, Greta Beccaglia si è detta commossa per l’affetto e la solidarietà ricevuti: “Davvero non mi aspettavo tutto questo: i messaggi di solidarietà, le dichiarazioni dei politici… Mi stanno chiamando in tantissimi. Mi dispiace non riuscire a rispondere a tutti. Ci sono messaggi che non ho ancora letto“.

Sulle parole pronunciate dal tifoso a La Zanzara, che ha parlato di “goliardata“, la giornalista ha detto: “Pensa davvero di non aver fatto nulla di male?

Una goliardata, dice. Giustificata dalla rabbia perché la Fiorentina aveva perso? Definire goliardia una molestia significa non aver capito la gravità di un atto. Sono dichiarazioni irricevibili. Mi pare che peggiorino tutto“.

Beccaglia ha anche fatto un accenno alle presunte scuse, che il tifoso le avrebbe rivolto: “Per adesso non ne so nulla. E comunque io ho fatto la mia denuncia in Questura (…) Denunciare è importante, e spero che, vedendo me, altre lo facciano“.

Sempre al Corriere, Greta Beccaglia ha raccontato che non si è trattato solo dello schiaffo, anche di tutto quello che è accaduto durante e dopo.

Molti l’hanno insultata, hanno provato a toccarla: “Ho avuto paura davvero di quegli uomini. E ho denunciato. Ho denunciato tutto, non solo il tifoso, ma anche le parole e i gesti degli altri“.

Pausa dalla conduzione per Giorgio Micheletti

Toscana Tv ha reso noto che il conduttore del programma A tutto gol, il giornalista Giorgio Micheletti, ha voluto prendersi un momento di riflessione e di pausa professionale dalla conduzione, si legge in una nota: “Abbiamo condiviso con il giornalista Giorgio Micheletti di concedergli l’opportunità di un momento di riflessione e di pausa professionale nella conduzione del format A Tutto Gol, al fine di chiarire lo svolgimento dei fatti riservandoci di valutare eventuali provvedimenti disciplinari“.

Nel corso della diretta il conduttore aveva invitato la collega a “Non prendersela” anche se, successivamente, lo stesso Micheletti di fronte alle accuse di chi lo ha incolpato di aver minimizzato l’episodio di molestia aveva spiegato di aver cercato di “evitare che potesse accaderle qualcosa di peggio”“Sui social ha girato soprattutto il video in cui lui mi dice di non prendermela, ma poi la trasmissione continua ed è lui il primo a condannare la molestia che ho subito”.

Potrebbe interessarti