Cronaca Nera

David Rossi, il dolore della moglie Antonella Tognazzi: “Mai andata al cimitero, fa troppo male”

La moglie di David Rossi ricorda il marito e commenta gli ultimi dettagli emersi in commissione parlamentare: "Un leone in gabbia".
David Rossi, il dolore della moglie Antonella Tognazzi: "Mai andata al cimitero, fa troppo male"

A pochi giorni dalla notizia dell’apertura di un’inchiesta da parte della procura di Genova al fine di indagare su video e filmati inediti che sarebbero stati prodotti la sera della morte di David Rossi, arriva il commento di Antonella Tognazzi, moglie del manager di Montepaschi.

Dal giorno in cui David Rossi è morto, il 6 marzo 2013, Antonella Tognazzi cerca risposte: negli anni, piano piano, sono per lo più sorte nuove domande, che ora si moltiplicano dopo le ultime audizioni eseguite dalla commissione parlamentare.

David Rossi, la moglie: “Perché nessuno ha preso provvedimenti?”

Antonella Tognazzi non è mai andata sulla tomba del marito: “Non sono mai andata al cimitero e non ci andrò mai.

Perché fa troppo male”, spiega la donna a Il Corriere della Sera. Il loro grande amore si è infranto 8 anni fa, quando una telefonata partita dagli uffici di Rocca Salimbeni l’hanno informata del fatto che suo marito era stato trovato in vicolo Monte Pio e che, con ogni probabilità, si era lanciato dalla finestra aperta del suo ufficio. 

La famiglia di Rossi non ha mai creduto alla tesi suicidaria, né crede che lo stress lo avesse sopraffatto. Furono alcuni dettagli, all’inizio, a far crescere il sospetto di un comportamento inadeguato da parte di chi aveva portato avanti le indagini, nonché della banca: “C’è una mail del 3 marzo, quella che David avrebbe inviato a Fabrizio Viola (allora amministratore delegato di Mps, ndr) scrivendo: ‘Stasera mi suicido sul serio.

Aiutatemi!’. Perché nessuno ha risposto? Perché nessuno ha preso provvedimenti? In un caso del genere si allertano le forze dell’odine, anche per procurato allarme, si avverte la famiglia. È possibile una mancanza del genere da parte di chi dirigeva una banca così importante? Poi iniziammo a scartabellare tutti gli atti e iniziarono a non tornare le cose.

A partire dal video in cui David cade dalla finestra, che all’inizio dà la convinzione che ciò sia avvenuto 16 minuti più tardi rispetto a quanto appurato”. Ora, la nuova inchiesta legata alla morte di David Rossi potrebbe portare maggiore chiarezza sull’accaduto.

Antonella Tognazzi sulla deposizione del colonnello Aglieco

Più si scoprono dettagli che non quadrano, più cresce l’amarezza di Antonella Tognazzi. È successo anche dopo l’audizione del colonnello Pasquale Aglieco, che ha raccontato di episodi di grave inquinamento della scena della morte avvenuti subito dopo la caduta di David: “Mi sono sentita come un leone in gabbia, tanta era la rabbia che avevo addosso.

Questa persona sa tutte queste cose e le racconta dopo quasi nove anni?

Ha di fatto rivelato che l’ufficio di David, scena di un possibile crimine, sarebbe stato inquinato dai pm, maneggiando varie cose prima dell’intervento della Scientifica (…) Perché Aglieco avrebbe dovuto dire queste cose? Era evidente che si stesse tirando addosso un problema”.

David Rossi, chi era: il ricordo della moglie

Emerge dai ricordi di Antonella Tognazzi l’immagine di David Rossi: non il dirigente di banca ma l’uomo, il marito, il compagno dei momenti felici: “Il primo invito a cena?

Me lo ricordo nei minimi dettagli, anche perché ero talmente emozionata che non riuscii a mangiare niente. Era l’estate del 1998. David mi portò in una trattoria a Volpaia, nel cuore del Chianti. Lo conoscevo da tempo: la nostra storia non decollò subito. Lui era molto riservato e non esternava i sentimenti, io venivo da una separazione e con una bimba, Carolina. Poi ci innamorammo, una simbiosi completa”. David Rossi per sua moglie è l’uomo che fuma il sigaro nella casa in montagna “Assieme al nostro cane Ernesto, un jack russell, con un libro in mano.

Mio marito era questo, curioso della vita”.

Potrebbe interessarti