Politica

Zona gialla per 4 Regioni da lunedì 3 gennaio: le nuove misure. In arrivo il Super Green Pass per lavorare

Da lunedì 3 gennaio salgono a 11 le regioni e province autonome in zona gialla. La road map di gennaio tra nuove misure e l'arrivo del Super Green Pass per i lavoratori
regioni in zona gialla dal 3 gennaio

Da lunedì 3 gennaio altre 4 Regioni passano in zona gialla: il dilagare della variante Omicron ha portato i nuovi casi oltre 140.000 in un solo giorno, la pressione sui reparti ospedalieri preoccupa ma non è ancora ai livelli da lockdown dell’anno scorso grazie ai vaccini. A breve scattano nuove misure decise dal Governo, che potrebbe anche introdurre l’obbligo del Super Green Pass per tutti i lavoratori.

11 Regioni e Province autonome in zona gialla: da lunedì anche Lombardia e Sicilia

In Italia ci sono un milione di persone positive al Covid: un balzo arrivato per colpa dell’aumento di questo periodo, i nuovi casi sono cresciuti a decine di migliaia di giorno in giorno e nel bollettino del 01 gennaio sono stati registrati 141.262 nuovi contagi.

Il tasso di positività è risalito al 13%, ma il numero di morti rimane stabile (ieri 111) e il vaccino continua a garantire che la pressione su terapie intensive e reparti ordinari non superi soglie eccessivamente critiche. Da domani, altre 4 Regioni però passeranno in zona gialla: si tratta di Lazio, Lombardia, Piemonte e Sicilia.

Sale a 11 il totale delle Regioni e delle Province Autonome che sono finite in zona gialla: le quattro citate raggiungono la Liguria, Marche, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Calabri, Trento e Bolzano.

Nella pratica, non cambierà molto: l’obbligo di mascherina all’aperto è stato introdotto già dalla zona bianca con l’ultimo DL Festività e sono molte le misure che entreranno in vigore già nei prossimi giorni a prescindere dal colore del territorio.

Le nuove misure anti-Covid in arrivo a gennaio: la road map

La misura anti Covid-19 più temuta e discussa potrebbe esser già approvata nel prossimo Cdm del 5 gennaio: questa è la data in cui le varie forze della maggioranza che compongono il Governo potrebbero mettersi d’accordo e introdurre il Super Green Pass per tutti i lavoratori.

Una misura contestata da Lega e M5S, ma la tendenza sembra essere quella. Dal 1 gennaio sono già entrate in vigore le nuove regole della quarantena: stop all’isolamento per chi entra in contatto con un positivo ed ha ottenuto la dose booster o doppia dose entro 120 giorni; dovranno auto-sorvegliarsi e indossare una mascherina Ffp2 (per le quali il Governo ha intenzione di calmierare i prezzi) per 10 giorni.

Mascherine obbligatorie anche dalla scuola d’infanzia per i professori e per gli studenti dalle primarie e secondarie.

Il ritorno in classe coincide con nuove regole in arrivo che potrebbero interessare la quarantena e la Dad: possibile che in caso di due studenti positivi scatti l’auto-sorveglianza per i vaccinati e la quarantena in Dad per chi non ha ricevuto il vaccino. Dal 10 gennaio scatta invece il “quasi lockdown” per i non vaccinati: il Super Green Pass sarà esteso a ristoranti (anche all’aperto), cinema, teatri, mezzi di trasporto locale, alberghi, fiere, impianti sciistici e attività di svago; dalla stessa data si potrà fare la terza dose dopo 4 mesi.

Potrebbe interessarti