Politica

Il Cdm approva il nuovo Decreto sulle quarantene e l’estensione del Green Pass: le nuove regole

Le decisioni del Consiglio del Ministri sulle nuove regole per la quarantena in caso di contatto con positivo Covid-19 e l'estensione del Green Pass rafforzato.
ok del cdm al nuovo decreto su quarantene e green pass

Si è concluso il Consiglio dei Ministri convocato questa sera per far fronte all’incredibile aumento dei contagi da Covid-19. Confermate le indiscrezioni delle ultime ore: il Governo ha lavorato ad un Decreto Legge per modificare il sistema delle quarantene e impedire – a fronte dei quasi 100.000 casi solo oggi – di bloccare una consistente fetta del Paese nei meccanismi di sicurezza attualmente in vigore.

Quarantena per vaccinati e non, cosa è stato deciso nell’ultimo Cdm

L’ordine del giorno era “Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria“.

Un intervento ritenuto necessario, 5 giorni dopo il DL Festività, dal momento che nel frattempo i numeri sono cresciuti quasi esponenzialmente. Dopo le riunioni delle Regioni, del Cts e della Cabina di Regia, il Consiglio dei Ministri ha varato il nuovo decreto che regola in maniera diversa la quarantena in caso di contatto con un positivo Covid-19. Nello specifico: “Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo”.

Fino al decimo giorno, inoltre, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare mascherine FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione. La fine della quarantena o dell’auto-sorveglianza, in questo caso, sarà sancita da un test. Per chi invece è vaccinato da oltre quattro mesi con seconda dose, quarantena di 5 giorni con obbligo di tampone. Non cambia niente invece per i non vaccinati che entrano in contatto con un positivo.

La misura, confermata anche dal ministro Bonetti a SkyTg24, entrerà in vigore una volta pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Da quel momento, coloro che avranno la terza dose fatta ed entreranno in contatto con un positivo non saranno più tenuti a isolarsi: una misura, questa, che alleggerisce il sistema dei tamponi, tremendamente sotto pressione in questi giorni.

Esteso l’uso del Green Pass Rafforzato, salta l’obbligo a tutti i lavoratori

Sempre alla stessa fonte, è stato annunciato che il Governo ha deciso di estendere l’uso del Green Pass Rafforzato o Super Green Pass, lo strumento ritenuto ideale per incentivare alla vaccinazione.

Il ministro Bonetti ha dichiarato che è stato esteso anche a quei settori che al momento non ne prevedevano l’utilizzo come alberghi, attività sportive, piscine, matrimoni. Inoltre, il Super Green Pass sarà necessario anche per i trasporti locali e a lunga percorrenza, fiere e impianti sciistici.

Salta invece uno dei punti più discussi nella maggioranza, ovvero l’estensione del Green Pass rafforzato a tutti i lavoratori. Invocato da Renato Brunetta per i settori pubblici, privati e autonomi, ha diviso Lega e altre forze politiche del Governo Draghi ed è stata per il momento tolta dal tavolo: “Abbiamo espresso dei dubbi su green pass rafforzato per i lavoratori” ha dichiarato Giorgetti all’Adnkronos, rivelando che gli stessi sarebbero stati condivisi anche dal M5S.

Potrebbe interessarti