Spettacolo

Ero in guerra ma non lo sapevo: in prima visione su Rai1 il film con Francesco Montanari e Laura Chiatti

Mercoledì 16 febbraio 2022 va in onda su Rai1 il film dal titolo di Ero in guerra ma non lo sapevo. Scopri la trama del film con Francesco Montanari e Laura Chiatti.
Ero In Guerra Ma Non Lo Sapevo

I conosciuti attori sono i protagonisti di una pellicola piena di tensione che racconta la storia tratta dal romanzo di Alberto Torregiani. La pellicola Ero in guerra ma non lo sapevo va in onda per la prima volta su Rai1 mercoledì 16 febbraio 2021 a partire dalle ore 21:30 circa per raccontare al pubblico la storia del gioielliere Pierluigi Torregiani. L’uomo, nella Milano degli anni ’70, diventerà un bersaglio politico del gruppo di terroristi guidato da Cesare Battisti in seguito ad un triste caso di cronaca per il quale durante una rapina, viene accusato di aver ucciso i malviventi che stavano minacciando sua figlia.

Scopri la trama completa, il cast e le curiosità del film.

Ero in guerra ma non lo sapevo: le curiosità ed il cast della pellicola

Ero in guerra ma non lo sapevo è un film di genere drammatico diretto da Fabio Resinaro, conosciuto regista di numerosi videoclip musicali in coppia con Fabio Guaglione e qui al quarto progetto da solista dopo il successo della pellicola Dolceroma.

Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Alberto Torregiani e vede come protagonisti i personaggi interpretati da Francesco Montanari, che torna in Rai dopo il successo della sua ultima serie dal titolo Il cacciatore, e da Laura Chiatti.

Al loro fianco prendono parte della pellicola anche gli altri interpreti Luca Guastini, Alessandro Tocco, Pier Giorgio Bellocchio, Maria Vittoria Dallasta, Gualtiero Burzi, Juju Di Domenico, Stefano Fregni e Gianluca Gobbi.

Ero in guerra ma non lo sapevo: la trama della pellicola

Il gioielliere Pierluigi Torregiani in una Milano degli anni ’70 si reca con la sua famiglia ad una cena in un locale per passare lì la serata. Ad un certo punto un gruppo di malviventi irrompe per rapinare i commensali seduti a tavolo.

Qualcosa per loro però va storto e nella colluttazione con il gioielliere, dopo che uno di loro minaccia la figlia di Torregiani, parte un colpo di una pistola che ucciderà uno dei malviventi stessi.

Torregiani viene accusato di aver sparato con la pistola che porta sempre con se anche se non è stato lui a sparare, nonostante molti giornali lo affermino con certezza. Così facendo si creerà un clima di tensione politica intorno al caso che renderà il gioielliere un obiettivo per il gruppo di terroristi guidato da Cesare Battisti, che individuano in lui un colpevole da punire visto come un giustiziere borghese.

Guarda il trailer:

Potrebbe interessarti