Cronaca dal Mondo

In Ucraina “forte esplosione nel centro di Donetsk”. Filorussi evacuano i civili, Kiev accusata di invasione

Una forte esplosione è stata registrata nel centro di Donetsk nel Donbass. L'esplosione è avvenuta nei pressi della sede del governo filo-russo che accusa Kiev.
In Ucraina "forte esplosione nel centro di Donetsk". Filorussi evacuano i civili, Kiev accusata di invasione

Una violenta esplosione è stata registrata a Donetsk, nella regione del Donbass (dove risiedono forze separatiste e filo-russe). La notizia è stata rilanciata dalle agenzie russe ma al momento le informazioni sono scarne. Parrebbe che sia in corso un’evacuazione di civili dalla zona interessata.

Donetsk è la sede dell’edificio che ospita la sede del governo dell’autoproclamata repubblica. Quanto appreso rappresenta il concretizzarsi del timore che nelle repubbliche ribelli possa generarsi un nuovo conflitto come quello di 8 anni fa, conclusosi con gli accordi di Minsk e che è costato 14mila vittime.

Mosca ha annunciato il ritiro di altri carri armati dal confine sud-est e di alcuni degli aerei da guerra dalla Crimea; questa sera è atteso un vertice Nato-USA-UE.

Forte esplosione a Donetsk

Una potente esplosione è stata segnalata nel centro di Donetsk, città dei separatisti filo-russi. La notizia è stata rilanciata da diverse agenzie russe, secondo quanto si apprende, la deflagrazione sarebbe avvenuta nei pressi del palazzo del governo dei separatisti.

Secondo quanto riferito dall’agenzia TASS, la causa dell’esplosione sarebbe stata un’autobomba.

I ribelli evacuano i civili e accusano l’Ucraina di invasione

A seguito dell’esplosione le agenzie hanno riferito che i ribelli separatisti hanno dato il via all’evacuazione dei civili verso la Russia.

Il governo separatista ha anche accusa l’Ucraina di voler preparare un’invasione, per questo motivo è in corso lo spostamento dei cittadini.

Uno dei leader separatisti, Denis Pushilin, ha reso noto tramite il suo canale Telegram (ripreso anche da giornali italiani come il Fatto Quotidiano) che l’evacuazione, soprattutto di donne e bambini è dovuta proprio al rischio di invasione: “Oggi viene organizzata una partenza massiccia e centralizzata della popolazione verso la Federazione Russa, prima di tutto devono essere evacuati donne, bambini e anziani”.

L’evacuazione è infatti partita prima dell’esplosione, in mattinata i cittadini avevano ricevuto un messaggio con le istruzioni per l’evacuazione: munirsi di documenti, beni di prima necessità, scorte di cibo e acqua.

Potrebbe interessarti