Politica

Ucraina, Luigi Di Maio su Putin: “Non possiamo aspettarci che venga al tavolo con gentilezza”

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio è intervenuto in diretta televisiva chiarendo la posizione dell'Italia nei confronti dell'Ucraina e chiarendo quali sono le mosse previste per bloccare la Russia.
Ucraina, Luigi Di Maio su Putin: "Non possiamo aspettarci che venga al tavolo con gentilezza"

Luigi Di Maio ha messo le carte in tavola: nel quadro terrificante della guerra tra Russia e Ucraina, occorre accettare che il conflitto non sia solo tra Russia e Ucraina.

Intervenuto nel corso di una diretta televisiva, il ministro degli esteri ha chiarito che l’Italia deve avere una posizione molto forte nel combattere l’espansione della Russia considerando di fatto Vladimir Putin un pericolo per l’intera Europa.

Luigi Di Maio e l’offensiva “economica”: “Stiamo facendo collassare l’economia russa”

“Non possiamo aspettarci che Putin venga al tavolo con gentilezza e dobbiamo continuare a colpire la sua economia con le sanzioni e a sostenere il popolo russo.

Non sta con Putin. Lo sta opprimendo”. Luigi Di Maio è molto risoluto, in diretta a Di Martedì, nel dire che posizione deve prendere l’Italia nei confronti della Russia, che per il Ministro va bloccata in modo tranciante sul lato economico-finanziario: “Con le sanzioni stiamo facendo collassare l’economia russa: la borsa di Mosca è chiusa da due giorni e il rublo si è deprezzato del 30%. Questo vuol dire evitare una guerra che possa colpire il resto dell’Europa”.

La posizione manifestata da Di Maio è in linea con il modus operandi europeo: come riporta Adnkronos, gli ambasciatori Ue avrebbero approvato il provvedimento di esclusione di 7 banche russe (tra queste è esclusa Sberbank, principale banca russa) dal sistema Swift.

A quanto pare domani il provvedimento potrebbe già essere operativo. 

Luigi Di Maio propone la controffensiva compatta: “L’Italia non rischia di trovarsi ad affrontare una guerra

Per quanto riguarda l’eventualità che la guerra si espanda al punto di coinvolgere direttamente gli altri Paesi europei, Di Maio dice: “L’Italia non rischia di trovarsi ad affrontare una guerra se l’UE si mostrerà compatta nel rispondere all’invasione russa dell’Ucraina”.

Continueranno ad arrivare sostegni all’Ucraina, ad ogni modo: “Il parlamento italiano ha impegnato il governo a dare sostegno finanziario e militare al popolo ucraino perché ha il diritto a difendersi da un invasore”.

Potrebbe interessarti