Politica

In Ucraina distrutto l’aeroporto di Vinnytsia, Kiev sotto attacco. Zelensky: “Volete ci uccidano lentamente”

Duro attacco del presidente Zelensky contro l'Occidente: chiede una no fly-zone e responsabilità umanitaria. Intanto, i russi bombardano Kiev e l'aeroporto di Vinnytsia.
In Ucraina distrutto l'aeroporto di Vinnytsia, Kiev sotto attacco. Zelensky: "Volete ci uccidano lentamente"

Nel giorno del secondo tentativo di tregua per i corridoi umanitari da Mariupol, la capitale Kiev risulta essere sotto pesanti bombardamenti. In un video, il presidente ucraino Zelensky riporta inoltre la distruzione dell’aeroporto di Vinnytsia e lancia un duro messaggio all’Occidente: chiede una no fly-zone contro i continui attacchi Russi.

Kiev sotto le bombe: vittime civili, tra loro anche dei bambini

Non accenna a placarsi l’offensiva del Cremlino sull’Ucraina: l’obiettivo è prendere la capitale Kiev e rovesciare il governo di Zelensky, “demilitarizzare” l’Ucraina e garantirsi così uno Stato cuscinetto che non faccia parte della Nato.

Una missione che non sembra conoscere sosta, tregua o aperture diplomatiche. Il secondo annunciato corridoio umanitario a Mariupol, città del sud fondamentale per il controllo del Mar d’Azov e il passaggio di truppe russe dalla Crimea, sarebbe nuovamente fallito: vengono riportati nuovi attacchi russi che renderebbero impossibile l’evacuazione dei civili. Intanto, Kiev è sotto le bombe: secondo la Cnn in mattinata sono proseguiti pesanti bombardamenti nelle zone ovest e nord-ovest della capitale. Le forze d’invasione russe avrebbero inoltre colpito un checkpoint per l’ingresso dei civili dalla periferia: vengono riportate vittime, anche bambini.

Distrutto l’aeroporto di Vinnytsia: l’annuncio del presidente Zelensky

Non solo Kiev, Kharkiv e Mariupol: la guerra è arrivata nel cuore dell’Ucraina. Il presidente Zelensky, in un nuovo video condiviso su Twitter, ha reso noto che i razzi russi avrebbero distrutto l’aeroporto della regione di Vinnytsia. Si tratta di un oblast interno, a nord del confine moldavo, lontano dalla Russia e dal contesto Donbass. I russi, sottolinea Zelensky, starebbero colpendo infrastrutture civili: torna quindi a chiedere una no fly-zone, misura che tuttavia ieri Putin ha scoraggiato, dicendo che chiunque dovesse imporla verrebbe considerato ufficialmente parte del conflitto in Ucraina.

Zelensky contro l’Occidente: “Volete che ci uccidano lentamente

Nello stesso videomessaggio, Volodymyr Zelensky ha esortato l’Occidente a fare di più: “È una vostra responsabilità umanitaria proteggerci, proteggere la popolazione e siete in grado di farlo“. Altrimenti, aggiunge in toni molto duri, “Se non ci date abbastanza aerei in modo da poterci proteggere, c’è una sola conclusione: volete che ci uccidano lentamente“. Il leader ucraino, secondo la traduzione riportata da Adnkronos, conclude: “Da oggi in poi è anche una responsabilità dei leader occidentali e del mondo intero“.

In un altro passaggio del discorso, si è rivolto anche ai cittadini russi: “Per voi non è solo lotta per la pace, ma lotta per il vostro Paese […] Se rimanete in silenzio ora, solo la vostra povertà parlerà per voi più tardi e solo la repressione risponderà“.

Potrebbe interessarti