Economia

Bollette luce e gas di aprile in aumento: quanto si pagherà in più per corrente elettrica e metano

In vista dell'aggiornamento delle tariffe di Arera, Nomisma Energia condivide le stime d'aumento sulle bollette di luce e gas dal mese di aprile: molto dipende dalla guerra tra Russia e Ucraina.
Bollette luce e gas di aprile in aumento: quanto si pagherà in più per corrente elettrica e metano

C’è attesa per l’aggiornamento delle tariffe di luce e gas: Arera effettuerà i calcoli a fine mese e la situazione di guerra tra Russia e Ucraina porterà ad aumenti sia per le bollette della corrente elettrica che del metano. Dalle prime stime, il salasso immediato riguarderà la luce. Quanto in più bisognerà pagare.

Ricalcolo dei costi dell’energia: le prime stime su luce e gas

Arera, Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, si appresta ad aggiornare i costi delle tariffe di elettricità e gas per coloro che non sono ancora passati al mercato libero e dipendono dalle bollette classiche.

Un calcolo che interesserà famiglie e microimprese, preoccupate dal fatto che la guerra tra Russia e Ucraina condizionerà inevitabilmente le tariffe di corrente e metano. I costi verranno aggiornati a fine marzo e riguarderanno il trimestre aprile-giugno, ma Nomisma Energia ha già fornito le prime stime.

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, Nomisma e l’economista Davide Tabarelli hanno stimato che le bollette della luce potrebbero aumentare del 20%, quelle del metano del 2%. Il dato, purtroppo, non deve ingannare: l’aumento del gas è inferiore solo perchè le tariffe hanno già subito pesanti aumenti (più del 40%) da gennaio a oggi.

Il calcolo è stato fatto sulle già alte quotazioni di febbraio, ma è possibile che un ulteriore deciso rincaro possa arrivare nei mesi estivi, visto che a marzo il costo del gas è più che raddoppiato.

Bollette luce e gas in aumento: gli effetti della Guerra in Ucraina

Il quotidiano finanziario cita gli esperti di Nomisma Energia, secondo cui “nonostante la grande incertezza causata dalla tragedia ucraina, è possibile fare qualche stima sulle conseguenze della guerra sulle bollette“. L’adeguamento di aprile sarà infatti basato sui pezzi “del mercato spot per il mese di febbraio che si è chiuso subito dopo l’inizio della guerra ed è risultato relativamente basso a 80 euro il megawattora“.

Per quanto riguarda la bolletta del gas, quindi, “le tariffe del gas dovrebbero rimanere ferme a 1,37 euro per metro cubo, dopo l’aumento eccezionale del 42% dello scorso gennaio“.

Più incerto il calcolo per la bolletta della luce: “Dipenderà dall’andamento dei prezzi nei prossimi giorni” e se i prezzi dovessero rimanere alti “ci dovrebbe essere un aumento almeno del 25% verso 56 centesimi al chilowattora, variazione per il momento ancora inferiore al precedente +55% di inizio gennaio 2022“.

Per ovviare, il Governo ha già approvato il 18 febbraio il Decreto bollette: 7,5 miliardi per aiutare i cittadini a far fronte al caro energia.

Potrebbe interessarti