Cronaca

119 donne uccise nel 2021, aumentano i reati spia: dallo stalking ai maltrattamenti in famiglia, i volti della violenza

119 donne sono state uccise nel 2021 e i reati spia sono in costante aumento, dallo stalking ai maltrattamenti in famiglia, alla violenza sessuale: la situazione in Italia.
119 donne uccise nel 2021, aumentano i reati spia: dallo stalking ai maltrattamenti in famiglia, i volti della violenza

119 donne uccise nel 2021, vittime di una scia di femminicidi a cui si accompagna una fitta trama di reati spia in a aumento che vanno dallo stalking ai maltrattamenti in famiglia. È la fotografia della situazione italiana cristallizzata nel report realizzato dal Servizio analisi criminale della Direzione centrale della Polizia criminale, in occasione dell’8 marzo. Una Festa della donna ancora nel segno del rosso.

119 donne uccise nel 2021, aumentano i reati spia dallo stalking ai maltrattamenti in famiglia

Secondo quanto reso noto dal Dipartimento della Pubblica sicurezza, e riportato dall’Ansa, nel quadriennio 2018-2021 si sarebbe registrato un calo dei femminicidi, ma ci sarebbe stato un aumento di reati spia quali stalking, maltrattamenti e violenze sessuali.

L’analisi realizzata in occasione della Festa della donna evidenzia una fotografia d’allarme costante e ancora senza soluzione: 119 omicidi volontari di donne nell’anno appena trascorso. Rispetto al 2018 emergerebbe una flessione del 16% (allora le vittime furono 141), ma il calo non riguarderebbe il confronto con il 2020 e il 2019 (quando le donne uccise furono rispettivamente 117 e 109). I reati di stalking sono aumentati del 18%, i maltrattamenti ai danni di familiari e conviventi del 30% e gli episodi di violenza sessuale del 2%.

Femminicidi in Italia: la scia di sangue non si ferma

La situazione in Italia nei primi mesi del 2022, dal 1° gennaio al 6 marzo, è stata analizzata nel report diffuso dal Viminale sui dati raccolti dal Servizio analisi criminale. Secondo quanto riportato nel documento, relativamente al periodo del primo trimestre del nuovo anno sono stati registrati 46 omicidi, di cui 13 con vittime donne. Di questi casi, 12 riguardano donne uccise in ambito familiare/affettivo, 8 delle quali trovato la morte per mano del partner o dell’ex partner.

Pochi giorni fa, la storia di Anna Borsa, 30enne uccisa dall’ex compagno a Pontecagnano Faiano, si è sommata alla lunga scia di sangue.

Negli omicidi volontari di donne in ambito familiare/affettivo (103 nel 2021), è stato rilevato come preminente l’uso di armi improprie e/o armi bianche (in 56 dei casi registrati), e in 23 delitti sono state utilizzate armi da fuoco. 14 i femminicidi commessi con modalità di asfissia/soffocamento/strangolamento, 6 con lesioni o percosse 4 con avvelenamento.

Proprio per contrastare i reati spia e sostenere le vittime prima di derive irreversibili quali il femminicidio, chiunque sia vittima di violenza o stalking può chiamare il numero 1522, attivo 24 ore su 24 e completamente gratuito.

Rispondono operatrici specializzate nel sostegno alle vittime di violenza, pronte a supportarle fin dal primo passo, quello della denuncia.

1522 numero antiviolenza e stalking
1522 numero antiviolenza e stalking

Potrebbe interessarti