Chi è

Kalush Orchestra per l’Ucraina all’Eurovision 2022: storia del gruppo in gara all’ESC di Torino con Stefania

Questa sera partono le semifinali dell'Eurovision, evento musicale internazionale che quest'anno si tiene a Torino. L'Ucraina sarà rappresentata dal gruppo Kalush Orchestra.
Kalush Orchestra è il gruppo che rappresenterà l'Ucraina all'Eurovision a Torino: chi sono e la loro storia

Come ogni anno, l’Eurovision Song Contest (le cui semifinali inizieranno proprio questa sera) è pronto ad ospitare sul suo palco artisti provenienti da moltissimi paesi d’Europa. Tra i tanti concorrenti anche il gruppo Kalush Orchestra, che rappresenterà l’Ucraina durante la kermesse musicale. Chi sono e qual è la loro storia.

Il gruppo Kalush Orchestra rappresenta l’Ucraina agli Eurovision: la loro storia

Questa sera inizierà la semifinale della 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest, kermesse musicale che ogni anno permette a tutti i paesi d’Europa di proporre un cantante e di far conoscere la propria musica.

Per quanto riguarda l’Ucraina sarà il gruppo Kalush Orchestra ad esibirsi sul palco allestito al PalaOlimpico di Torino.

Si tratta di una band hip-hop con tendenze folk – formatasi nel 2019 e allora composta da Oleh Psiuk (rapper), da Ihor Didenchuk (musicista polivalente), e da Danyil Chernov (rapper, DJ e ballerino). Successivamente a loro si sono aggiunti anche il suonatore di cornamusa beatboxing Vitalii Duzhyk e lo strumentista solista Tymofii Muzychuk.

Arriveranno sul palco per suonare una canzone dal titolo Stefania, un omaggio alla mamma del rapper Psiuk – che ha avuto la possibilità di dedicarle il brano già in occasione delle preselezioni dell’Eurovision.

La band è riuscita ad essere selezionata dopo la rinuncia della collega Alina Paš; i Kalush Orchestra erano infatti arrivati secondi alle selezioni ma dopo alcune polemiche sulla vincitrice (che avrebbe fatto un viaggio in Crimea non gradito), l’artista è stata sostituita dagli attuali concorrenti – stando a quanto riportato a febbraio dal sito della BBC.

Eurovision Song Contest: la scaletta delle semifinali e l’omaggio a Raffaella Carrà

Saranno ben 17 le nazioni ad esibirsi nel corso della 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest – la cifra è scesa di un numero dopo l’eliminazione della Russia dalla kermesse musicale.

Per quanto riguarda la scaletta dell’evento, è già stata diffusa nelle settimane precedenti.

  • Ronela Hajati – Sekret (Albania)
  • Citi Zeni – Eat your salad (Lettonia)
  • Monika Liu – Sentimentai (Lituania)
  • Marius Bear – Boys do cry (Svizzera)
  • LPS – Disko (Slovenia)
  • Kalush Orchestra – Stefania (Ucraina)
  • Intelligent Music Project – Intention (Bulgaria)
  • S10 – De diepte (Paesi Bassi)
  • Zbod si Zdub & Fratii Advahov – Trenuletul (Moldavia)
  • Maro – Saudade, saudade (Portogallo)
  • Mia Dimsic – Guilty pleasure (Croazia)
  • Reddi – The show (Danimarca)
  • LUM!X ft. Pia Maria – Halo (Austria)
  • Systur – Meo haekkandi sol (Islanda)
  • Amanda Georgiadi Tenfjord – Die together (Grecia)
  • Subwoolfer – Give that wolf a banana (Norvegia)
  • Rosa Linn – Snap (Armenia)

In queste ore invece è stato reso noto che durante l’evento musicale sarà dedicato anche uno spazio all’intramontabile icona della musica Raffaella Carrà (scomparsa l’anno scorso). A confermare la notizia è stata Laura Pausini, conduttrice dell’Eurovision insieme ad Alessandro Cattelan e Mika.

Sono stata io a proporre un tributo all’unica e sola, la più grande – ha spiegato l’artista – Ovviamente non è possibile non menzionarla.

Per me, per l’Italia, la Spagna e molti paesi in Europa lei è stata un’icona, quindi sarà con noi“.

 

Potrebbe interessarti