Programmi TV

Le Iene, anticipazione: la replica istituzionale alle parole di Elisabetta Franchi sull’assunzione di donne “anta”

Anticipazioni sulla puntata di questa sera 11 maggio del programma Le Iene: la replica istituzionale alle parole pronunciate dalla stilista Elisabetta Franchi.
Le Iene, anticipazione: la replica istituzionale alle parole di Elisabetta Franchi sull'assunzione di donne "anta"

C’è attesa per la replica istituzionale alle dichiarazioni dell’imprenditrice Elisabetta Franchi: durante l’intervista al centro delle polemiche erano infatti presenti la Ministra Elena Bonetti e la Sottosegretaria alla Cultura Lucia Borgonzoni.

Bufera su Elisabetta Franchi, l’attesa di una replica istituzionale alle dichiarazioni dell’imprenditrice

Dopo l’ondata di indignazione e polemiche scaturita dopo l’intervista dell’imprenditrice Elisabetta Franchi, ora si attende la replica ufficiale della Sottosegretaria alla Cultura Lucia Borgonzoni e della Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti.

Entrambe sono state spettatrici del convegno e dell’intervista, ma fino a questo momento non si erano pronunciate sulle parole dette da Elisabetta Franchi in quell’occasione. La risposta delle autorità arriverà nel corso della puntata del programma Le Iene in onda questa sera su Italia 1.

Che cosa ha detto Elisabetta Franchi: assume donna “anta” e la sua replica alle polemiche

Nota stilista bolognese, Elisabetta Franchi ha scatenato una bufera di proteste e polemiche dopo le dichiarazioni rilasciate in un’intervista incentrata sul tema delle donne e del lavoro. Ai microfoni de Il Foglio, Franchi pochi giorni si è espressa affermando che “Quando metti una donna in una carica importante, se è molto importante poi non puoi permetterti di non vederla arrivare per due anni”.

In qualità di imprenditrice, ha ammesso di assumere donne “anta” in quanto “Se dovevano sposarsi si sono già sposate, se dovevano far figli li hanno già fatti, se dovevano separarsi hanno fatto anche quello”, ribadendo che “Io le prendo dopo che hanno fatto tutti e quattro i giri di boa.

Sono tranquille al mio fianco e lavorano h24”.

La celebre stilista ha poi replicato alle numerose voci di protesta tramite una storia su Instagram, fornendo le percentuali delle donne e degli uomini impiegati nella sua azienda e parlando di “grande fraintendimento per quello che sta girando sul web, strumentalizzando le parole dette”.

Ha inoltre sottolineato come “lo Stato italiano è ancora abbastanza assente, mancando le strutture e gli aiuti”, motivo per cui “le donne si trovano a dover affrontare una scelta tra famiglia e carriera”.

Potrebbe interessarti