Vai al contenuto

Covid, boom di contagi: il ministero emana la nuova circolare

Pubblicato: 17/12/2023 17:23

In vista delle imminenti vacanze di Natale, il ministero della Salute emana una nuova circolare in considerazione dell’intensa circolazione dei virus influenzali e SarCoV2 nelle ultime settimane. Nel documento si ribadisce e si raccomanda di effettuare i tamponi ai pazienti sintomatici per il Covid-19 in entrata in ospedali e Pronto soccorso e di effettuare test anche per altri virus respiratori.
Leggi anche: Covid, quali sono le regioni con più contagi
Leggi anche: Covid, Matteo Bassetti shock: “I morti per Covid? Che cosa ho visto”. Tragico

La nuova circolare del ministero: ecco le regole

L’indicazione – già prevista in un precedente provvedimento dell’8 settembre 2023 – è ribadita in una nuova circolare firmata dal direttore della Prevenzione sanitaria del ministero, Francesca Vaia, e trasmessa alle Regioni. Nella circolare ‘Indicazioni per l’effettuazione dei test diagnostici per SarsCoV-2 per l’accesso e il ricovero nelle strutture sanitarie, si sottolinea che «considerato l’attuale andamento clinico-epidemiologico dell’infezione da SarsCoV-2, si ritiene indispensabile che le strutture sanitarie attivino e potenzino percorsi sempre più ampi di sorveglianza epidemiologica con la ricerca di tutti i microorganismi».

Persone con sintomi: cosa fare

Nello specifico, si legge, «per le persone che presentano sintomi con quadro clinico compatibile con Covid-19 è indicata l’effettuazione di test diagnostici per SarsCoV-2, virus influenzali, Virus Respiratorio Sinciziale (Vrs), Rhinovirus, virus Parainfluenzali, Adenovirus, Metapneumovirus, Bocavirus e altri Coronavirus umani diversi dal SarsCoV2». Si ribadisce inoltre l’importanza di «rafforzare il sistema di sorveglianza RespiVirNet soprattutto nelle Regioni che non hanno raggiunto la copertura della popolazione prevista la scorsa stagione» e di «attivare la sorveglianza virologica nelle Regioni in cui non è ancora presente e che venga implementata nelle Regioni in cui è presente».

Cosa sta succedendo negli ospedali

Già la precedente circolare dell’8 settembre prevedeva inoltre che, rispetto all’accesso alle strutture residenziali sanitarie e socio-sanitarie, «agli ospiti che devono accedere (es. nuovi ingressi, trasferimenti) alle strutture residenziali sanitarie e socio-sanitarie, in cui siano presenti persone fragili a rischio per età o patologie concomitanti, è indicata l’effettuazione di test diagnostici per SarsCoV-2 al momento dell’accesso presso la struttura».