Vai al contenuto

Covid, quali sono le regioni con più contagi

Pubblicato: 17/12/2023 09:39

Resta alta la guardia per una nuova possibile ondata di Covid, soprattutto per quanto riguarda le ospedalizzazioni.
Leggi anche: Covid, Matteo Bassetti shock: “I morti per Covid? Che cosa ho visto”. Tragico
Leggi anche: Covid, gli esperti lanciano l’allarme: “Niente abbracci ai cenoni”

Secondo i dati settimanali del monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità, al 13 dicembre l’occupazione dei posti letto in area medica è pari al 11,9% (con 7.426 ricoverati), in aumento rispetto alla settimana precedente (10,7% al 6 dicembre). In aumento anche l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva, pari a 2,7% (240 ricoverati) rispetto alla settimana precedente (2,5% al 6 dicembre). Tuttavia – confermano gli esperti – “l’impatto sugli ospedali nel complesso resta contenuto”.

A livello territoriale, è l’Abruzzo la regione con la maggiore incidenza Covid nell’ultima settimana in Italia. “L’incidenza settimanale (dal 7 al 13 dicembre) dei casi diagnosticati e segnalati presenta variazioni in quasi tutte le Regioni/province autonome rispetto alla settimana precedente. L’incidenza più elevata è stata riportata nella Regione Abruzzo (222 casi per 100.000 abitanti) e la più bassa in Sicilia (2 casi per 100.000 abitanti)”, si legge nel documento.

Covid, tutti i numeri in Italia

A livello nazionale l’incidenza di casi Covid-19 diagnosticati e segnalati nel periodo dal 7 al 13 dicembre è pari a 94 casi per 100mila abitanti, in diminuzione rispetto alla settimana precedente (101 casi per 100.000 abitanti nella settimana 30/11/2023-06/12/2023).

Per quanto riguarda il tasso di positività, le Marche raggiungono il 58,2%, prima regione in Italia, seguite dalla Provincia autonoma di Bolzano (31%), dall’Umbria (29,3%) e dall’Emilia Romagna (29,2%). La ragione con il minor tasso di positività è invece la Sardegna, dove si ferma al 9,4%, in leggero aumento rispetto ai sette giorni precedenti, quando era al 6,5%.

A chi si chiede se torneranno mai le mascherine, in particolare negli ospedali, ha risposto il Direttore della Prevenzione del Ministero della Salute, Francesco Vaia: “Le mascherine non ritornano, ma è facoltà dei direttori delle aziende sanitarie reintrodurre l’obbligo di indossarle in base alla situazione di rischio che dovessero intravvedere, legata a una più intensa circolazione virale”.

Quanto al ritorno delle mascherine, in particolare negli ospedali, il direttore della prevenzione del ministero della Salute, Francesco Vaia spiega: “Le mascherine non ritornano, ma è facoltà dei direttori delle aziende sanitarie reintrodurre l’obbligo di indossarle in base alla situazione di rischio che dovessero intravvedere, legata a una più intensa circolazione virale”.

Ultimo Aggiornamento: 17/12/2023 09:41