Vai al contenuto

Lui le fa la proposta di matrimonio e lei si schianta dalla scogliera: il sospetto “sull’anello”

Pubblicato: 21/12/2023 18:23

Dramma in Turchia, dove lo scorso luglio una donna si è schiantata su una scogliera dopo aver ricevuto la proposta di matrimonio dal suo fidanzato. A distanza di sei mesi, la testimonianza dell’uomo non è stata ritenuta credibile ed è stato arrestato. A inchiodarlo è un dettaglio legato agli anelli di fidanzamento.
Leggi anche: Terribile schianto, Federico muore a soli 22 anni

I soccorsi recuperano il corpo di Yesim Demir

La proposta di matrimonio e poi il vuoto e la morte di Yesim

Nizamettin Gursu, 42 anni, è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario per la morte della sua ex compagna, la 39enne Yesim Demir. Il 6 luglio 2023, i due si erano appartati in una località marina costeggiata da rocce a picco sul mare. Nella cornice romantica e sensuale di Capo Polente, a Canakkale, nel nord-ovest della Turchia, Gursu ha proposto a Demir di sposarlo.

Secondo il racconto di Gursu, Yesim avrebbe accettato. A quel punto il 42enne si è diretto verso la sua auto per recuperare stuzzichini e bevande. Mentre era lontano, ha sentito un urlo spaventoso. La sua compagna era precipitata dalle rocce. I soccorsi, arrivati tempestivamente, anche se ostacolati dalla difficile posizione in cui era caduta Yesim, hanno provato più volte a rianimarla, ma alla fine non c’è stato nulla da fare.

Le indagini e l’arresto

Dopo sei mesi di indagini, gli inquirenti hanno deciso di dare ascolto alla famiglia della vittima, che li aveva messi in guardia sul carattere dell’uomo. Da tempo Yesim sembra avesse voluto lasciarlo. Inoltre, la donna soffriva di vertigini e secondo loro da sola non si sarebbe mai avvicinata tanto da sola al precipizio.

Ma l’incongruenza più forte era quella che doveva essere sotto gli occhi di tutti. Secondo il racconto di Nizamettin, Yesim avrebbe detto di sì alla proposta e avrebbe messo l’anello di fidanzamento al dito. Inizialmente si era pensato che si fosse perso nello schianto. Ma poi gli investigatori hanno ritrovato entrambi gli anelli nel vestiario appartenente a Gursu. La prova appare schiacciante e farebbe crollare ogni certezza sulla ricostruzione dei fatti.

Secondo gli inquirenti, infatti, l’uomo avrebbe ricevuto in realtà un rifiuto dalla sua compagna, per questo motivo l’avrebbe forzata a buttarsi dalla scogliera. Gursu si trova ora in arresto, in attesa del processo.

Ultimo Aggiornamento: 21/12/2023 19:35