Vai al contenuto

Bastoncini d’incenso cancerogeni, prodotto sequestrato: “Sono tossici e portano alla morte”

Pubblicato: 18/01/2024 17:10

Quando si parla di bastoncini di incenso è sempre molto difficile reperire prodotti di qualità. Molti dei prodotti che troviamo in commercio non sono naturali, ma arricchiti con profumi artificiali. I veri bastoncini d’incenso, sono tradizionalmente fatti a mano e preparati dalle donne indiane.

La Guardia di Finanza di Monza ha sequestrato sessanta tonnellate di bastoncini di incenso considerati nocivi all’interno di un deposito gestito da cittadini cinesi in via Boccioni. Ma cosa è accaduto?
Leggi anche: L’incubo è realtà: carne nei salamini veg risultati positivi alla peste suina. Maxi sequestro dalla Cina: controlli a tappeto

Il maxi sequestro della Guardia di Finanza

Non solo fragranze inebrianti e note olfattive rilassanti. I bastoncini d’incenso stoccati in un capannone cinese a Monza e rivenduti in tutto il territorio in realtà erano tossici per l’organismo.

La Guardia di Finanza del capoluogo brianzolo ha sequestrato sessanta tonnellate di bastoncini d’incenso nocivi all’interno di un deposito gestito da cittadini cinesi in via Boccioni. Le indagini delle Fiamme Gialle erano scattate a gennaio scorso e attraverso delle analisi sulla merce, era emersa la pericolosità dei fumi sprigionati dall’incenso distribuito dalla società che conteneva in quantità superiori al limite consentito benzene e taluene.

I bastoncini, importati da Roma da una cittadina indiana e poi venduti a piccoli commercianti e a rivenditori ad Arcore, Bellusco, Busnago e Meda, erano pericolosissimi per l’organismo.

La merce sequestrata avrebbe fruttato 4 milioni di euro con cui i commercianti si sarebbero arricchiti ai danni della salute dei cittadini. Nell’ambito dell’indagine all’autorità giudiziaria monzese sono state segnalate anche 15 persone. 

Bastoncini d’incenso: di cosa sono fatti

I bastoncini di incenso grezzo sono tradizionalmente realizzati con materiali naturali come il bambù. La parte superiore di ciascun bastoncino è ricoperta con una pasta di segatura estratta dal legno di machilus – una variante di legno duro che brucia più lentamente. La ragione per cui si usa la segatura è dovuta al suo grande potere assorbente della fragranza.

Affinché i bastoncini brucino meglio, in aggiunta al rivestimento di segatura, si usa anche il carbone, che è molto comune nei bastoncini di incenso prodotti in India. Dopo aver aggiunto il rivestimento di segatura e di carbone, i bastoncini vengono immersi nell’olio profumato e lasciati asciugare per circa 12 ore. Infine, sono racchiusi in pacchetti ermetici per conservarne gli odori e, successivamente, stoccati per la vendita.
Leggi anche: “Informazioni ingannevoli”. Scatta il sequestro per oltre 500 bottiglie di olio d’oliva: i prodotti incriminati