Vai al contenuto

Quelle dieci coltellate di Caryl Menghetti al marito: il particolare agghiacciante che emerge dal passato

Pubblicato: 27/01/2024 09:27

Caryl Menghetti giovedì stava malissimo. Quei pensieri fissi che già in passato l’avevano costretta a ricorrere a cure psichiatriche erano tornati insieme a un senso di angoscia e pericolo per la figlia di 5 anni. Pensieri che avevano preso la forma di un vero e proprio delirio che le faceva vedere nel marito Diego Rota, 55 anni, falegname, una minaccia da eliminare.

La tragica catena di eventi è iniziata con un intervento d’emergenza di un’ambulanza arrivata nel giardino della casa di famiglia e culminata con un delitto efferato. Nel mezzo, segnali che avrebbero potuto far presagire la tragedia. Segnali che da tempo destavano preoccupazione in famiglia.
Leggi anche: Caryl Menghetti uccide il marito Diego Rota: “Coltellate alla gola”. Ieri visitata in psichiatria per allucinazioni

Cosa è successo giovedì

La situazione l’altra mattina è diventata ingestibile tanto da richiedere l’intervento del 118 per calmare la donna e accompagnarla al pronto soccorso dell’ospedale di Treviglio dove è stata visitata da uno psichiatra. Nel pomeriggio però la donna è stata dimessa con la prescrizione di assumere una cura farmacologica. Una misura che si è rivelata insufficiente perché dietro un apparente stato di calma i pensieri fissi non erano passati. 

Poco dopo le 23 Caryl è rimasta sola con il marito. Quando Diego Rota si è diretto verso la camera da letto, Caryl lo ha raggiunto brandendo un grosso coltello da cucina e ha cominciato a bersagliarlo di fendenti. I primi hanno raggiunto il 55enne alla schiena e quando si è girato, la moglie ha continuato a colpirlo al corpo e al collo. Diego Rota è stato colpito da almeno dieci pugnalate stramazzando al suolo e spegnendosi in pochi minuti.

Tutti i segnali ignorati

Secondo la prima ricostruzione, non vi erano criticità nel rapporto di coppia. A incidere sullo stato emotivo di Caryl sarebbero state problematiche legate al lavoro e a difficoltà personali, che si erano manifestate dopo la gravidanza avuta a quarant’anni.

Problemi che erano emersi in maniera acuta già tre anni fa quando era stata sottoposta a un Tso. Una situazione che è sfuggita di mano a tutti, una tragica catena di eventi che ha portato alla morte del 55enne.
Leggi anche: Beniamino Zuncheddu assolto dopo 33 anni di carcere: era condannato all’ergastolo per omicidio