Vai al contenuto

Costantino Vitagliano fa visita a Padre Pio dopo la scoperta della malattia: “Solo un giorno in più per vivere”

Pubblicato: 30/01/2024 15:51

Costantino Vitagliano si è fatto immortalare accanto a una statua di Padre Pio e ha corredato la foto con un pensiero: “Ogni giorno è un giorno in più per amare, un giorno in più per sognare, un giorno in più per vivere“.

L’ex tronista di Uomini e Donne, colpito da una rara malattia autoimmune, si è concesso una visita a San Giovanni Rotondo, comune del foggiano che ospita le spoglie del noto Santo di Pietrelcina. Forse un modo per chiedergli sostegno e forza in questo momento così delicato della sua vita.
Leggi anche: Costantino Vitagliano shock: “Ho una malattia rara, non ci sono cure”

Il pellegrinaggio da Padre Pio

Sono in tanti, nei commenti, a invocare la protezione di Padre Pio per Vitagliano: “Bravissimo, sicuramente ti aiuterà a guarire”, gli scrivono in molti. In molti gli sottolineano di “avere fede”. Di non perdere la speranza. Una follower fa sapere: “Padre Pio è il mio più grande amico, il padre che non ho mai avuto, il mio confidente con lui non mi sento sola”.

La malattia di Costantino Vitagliano

Costantino Vitagliano, ricoverato per la prima volta lo scorso novembre, a seguito di accertamenti ha scoperto di soffrire di una rara malattia autoimmune della quale ha parlato in una recente intervista a Verissimo.
Ospite di Silvia Toffanin, l’ex tronista ha spiegato: “Mi è cambiata la vita dalla sera alla mattina. Mi sono rotto un dito giocando con mia figlia sul divano e sentivo questo dolore allo sterno. Così sono andato in ospedale e il dottore mi ha fatto fare un’ecografia. Era una macchia sull’aorta ombelicale. Sono andati tutti in ansia e mi hanno fatto capire che era pericoloso girare in queste condizioni”.

Continua raccontando: “Devo stare completamente a riposo, sono un autoimmune. Una parola che neanche conoscevo. Ho questa massa che mi fa andare la aorta in pericolo quotidianamente. Oggi sono quindi sotto pasticche dalle 8 di mattina e con l’agitazione che non sai cosa può capitare da un momento all’altro. Ho cominciato una terapia, ma andiamo a tentativi. Non abbiamo farmaci che sappiamo possano funzionare con certezza”.

Nonostante stia affrontando la nuova condizione con la sua innata “forza da leone“, Costantino, che è papà di una bambina di 8 anni, non ha nascosto la sua preoccupazione: “Purtroppo la verità è che non si sa come andrà. Adesso non mi interessano tante cose e vivo in maniera diversa. Ci provo ad essere positivo però purtroppo non ci riesco”.
Leggi anche: Costantino Vitagliano e la confessione shock: “Sono in ospedale. Forse ho una malattia rara”