Vai al contenuto

Elicottero precipitato in Canada: morta anche la guida delle vittime italiane, recuperati i corpi

Pubblicato: 30/01/2024 11:00
elicottero Canada morto guida

Si aggrava purtroppo il bilancio delle vittime dell’incidente in elicottero che si è verificato il 22 gennaio scorso in Canada durante un escursione di heliskiing, in cui hanno perso la vita anche due italiani altoatesini. Nelle ultime ore le condizioni di una delle quattro persone rimaste ferite nello schianto si sino aggravate. E così Lewis Ainsworth è morto. Era la guida neozelandese di 35 anni del gruppo di imprenditori italiani.
Leggi anche: Incidente ferroviario alla stazione di Chiari: operaio di 51 anni muore travolto da un treno

Chi era la persona morta in ospedale

Secondo quanto riporta il New Zealand Herald, Lewis Ainsworth lavorava per la Northern Escape Heli-Ski, l’operatore turistico a cui il gruppo di amici provenienti da Trentino e Alto Adige per un vacanza si era rivolto. “Lewis è stato un membro molto rispettato della comunità alpinistica e sciistica neozelandese e internazionale. Amato da molti, mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di condividere la sua passione per la montagna”, si legge sul quotidiano neozelandese.

Intanto sono stati recuperati i corpi delle tre vittime. Si tratta del pilota dell’elicottero di nazionalità canadese e di due altoatesini: Heinzl Oberrauch di 29 anni, e Andreas Widmann junior di 35 anni, entrambi figli di noti imprenditori. Il primo infatti è il figlio del fondatore della catena Sportler e il secondo del fondatore della ditta tessile Texmarket.

Nei prossimi giorni rientreranno invece in Italia gli altri tre feriti: il trentino Emilio Zierock, della cantina Foradori, e gli altoatesini Jakob Oberrauch, fratello di Heinzl e amministratore delegato di Sportler, e Johannes Peer, responsabile finanze del gruppo.
Leggi anche: Elicottero pieno di turisti si schianta: è strage, morti anche 3 italiani tra cui erede gruppo Sportler