Vai al contenuto

Alessia Pifferi shock: “Si è spenta la mente, non ero più mamma”

Pubblicato: 26/02/2024 11:54

Era capace di intendere e di volere Alessia Pifferi, la 38enne che nel luglio 2022 ha lasciato morire di stenti la figlia Diana di meno di un anno e mezzo, abbandonandola da sola in casa per sei giorni. Lo ha stabilito la perizia psichiatrica firmata dallo psichiatra forense Elvezio Pirfo, depositata e disposta dalla Corte d’Assise di Milano nel processo per omicidio volontario aggravato. Secondo il perito, la donna “non è stata né è affetta da disturbi psichiatrici maggiori” e “non è portatrice di gravi disturbi di personalità”. La sua reazione: “La mia mente si è spenta, si è proprio distaccata dal ruolo di mamma”.
Leggi anche: Monia accusata di duplice infanticidio: per lei lo stesso psichiatra di Alessia Pifferi
Leggi anche: La legale di Alessia Pifferi si difende: “Per me lei è un’amica, le porto i cioccolatini in carcere”

La perizia su Alessia Pifferi

Nel mese di ottobre lo psichiatra Marco Garbarini, consulente del difensore Alessia Pontenani, aveva prospettato che Pifferi scontasse un «deficit di sviluppo intellettivo di grado moderato» che, riporta Corriere della Sera, secondo la difesa non le avrebbe fatto provare empatia e accorgersi dei bisogni e della sofferenza degli altri; che non le avrebbe fatto prevedere e collocare nel tempo le conseguenze dei propri atti; e che l’avrebbe resa suggestionabile se incalzata dalle domande. Questo quadro psicologico era parso sposarsi con l’interrogatorio in aula di Pifferi, specie laddove si era rivolta al pm con un «io le chiedo gentilmente di non sgridarmi». La Corte d’Assise, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, aveva ritenuto la perizia psichiatrica «necessaria» per verificare la «sussistenza al momento del fatto della capacità di intendere e di volere, nonché l’eventuale pericolosità sociale» della donna, e l’avevano affidata a Elvezio Pirfo, professionista anni fa già tra gli esperti del caso di Cogne, il quale ha svolto il proprio lavoro prescindendo del tutto dalle relazioni delle psicologhe di San Vittore. (Continua a leggere dopo la foto)
Leggi anche: Alessia Pifferi manipolata in carcere, la Procura: “Falso test intellettivo per simulare deficit grave”

La perizia d’ufficio in sé, prosegue il Corriere della Sera, non vincola le prossime decisioni della Corte, ma, con lo sfarinarsi della prospettiva di una incapacità totale o almeno parziale di intendere e volere, alla difesa resta come obiettivo improbo quello di persuadere i giudici a scendere sino al reato di maltrattamenti nella forma della morte del maltrattato come conseguenza di un evento non voluto dal maltrattante, con pena da 12 a 24 anni. La consulenza tecnica del perito dei giudici verrà discussa nel contraddittorio tra le parti nella prossima udienza del 4 marzo. 

Le dichiarazioni di Alessia Pifferi dopo l’esito della perizia

“Sono stata una cattiva mamma. Il problema è che la mia mente si è spenta, si è proprio distaccata dal ruolo di mamma”. Così Alessia Pifferi, in uno dei numerosi colloqui nell’ambito della perizia psichiatrica. Nel tentativo di spiegare il suo comportamento. “Oggi mi sento un cattiva madre, la mente era spenta quando ero in compagnia” del compagno, con cui era stata in quei giorni senza tornare a casa dalla bimba. La sua “esigenza” era quella di “cercare un compagno che mi facesse da marito, da papà per Diana e da papà anche per me”. In quei giorni, dice, era “spenta” la “mia testa di mamma” e “accesa quella di donna”.

Il terrore per il compagno

“Pensavo alla bambina, sì, però allo stesso tempo avevo paura di parlare con lui…avevo paura di una sua reazione visto che in passato lui è stato parecchio sgarbato con me, alzava spesso la voce. Pensavo di trovarla, la bambina, quando sono tornata a casa dopo sei giorni”. La piccola Diana, però, a quel punto era già morta da un giorno.

Ultimo Aggiornamento: 28/02/2024 10:59