Vai al contenuto

Si tuffa per recuperare un drone nel fiume, ma annega: morto il 61enne Giancarlo Busin

Pubblicato: 23/03/2024 12:07

È stato trovato poco prima di mezzanotte nelle acque dell’Astico ad Arsiero dai sommozzatori dei vigili del fuoco l’uomo di cui non si avevano più notizie da venerdì pomeriggio; presente sul posto anche personale del soccorso alpino che ha collaborato alle ricerche.

L’uomo, Giancarlo Busin, 61enne operatore SAPR, (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto) si presume si sia recato in Contrà Pria nelle gole del torrente per girare delle immagini, quando l’apparecchio è finito in acqua. L’operatore per recuperare il drone si è parzialmente spogliato ed è entrato in acqua per recuperarlo, quando può avere accusato un malore. 
Leggi anche: Morto in un incidente l’imprenditore Michele Malenotti: aveva 42 anni

Da ieri non si avevano più sue notizie

Dell’uomo non si avevano più notizie dal pomeriggio di ieri, venerdì 22 marzo 2024. Così sono iniziate le ricerche da parte dei sommozzatori dei vigili del fuoco. Sembra che l’uomo si fosse recato nelle gole del torrente per girare delle immagini, utilizzando il suo drone. L’uomo deve aver deciso di recuperarlo, una volta caduto in acqua, per ragioni ancora da appurare. Così si sarebbe parzialmente spogliato, poi è entrato nelle acque del fiume dove, una volta immerso, è morto. Non sono ancora chiare le cause della morte, quella più accreditata però, rimane il malore.

Le ricerche iniziate poco prima delle 21 dai vigili del fuoco di Schio, Vicenza e i sommozzatori di Venezia, hanno avuto purtroppo esito positivo con il ritrovamento a 8 metri di profondità del corpo privo di vita dell’uomo

Chi era Giancarlo Busin

Si chiamava Giancarlo Busin e aveva 61 anni. Residente nel Vicentino, era un operatore del Sapr Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto. Da qualche tempo aveva aperto un canale Youtube in cui caricava i suoi video. “La Vita ha tanti aspetti, così come ciò che ci circonda, basta guardare oltre…”, scriveva nella sezione informazioni di quel nuovo spazio virtuale in cui voleva raccontare e condividere il suo Veneto.

“Un giorno ci rivedremo e ti vedrò sicuramente con la tua passione, la tua serenità e felicità a fare svolazzare quel drone!”, è l’affettuoso addio di un’amica affidato ai social.