Vai al contenuto

Ucciso a colpi di pistola mentre va al lavoro. Morto un 24enne incensurato nel Reggino

Pubblicato: 08/04/2024 14:50

Domenico Oppedisano, 24 anni, è stato ucciso questa mattina, 8 aprile, mentre era in auto per andare al Lavoro. L’assassinio è avvenuto a pistolettate in località Prateria di San Pietro di Caridà, comune centripeto tra Reggio Calabria e Vibo Valentia. Per gli inquirenti la tecnica è quella di un tipico agguato mafioso, ma il nome di Oppedisano non risulta conosciuto agli agenti ed è incensurato. Il giovane è morto durante la corsa verso l’ospedale di Polistena.
Leggi anche: Donna trovata morta in un’ex chiesetta: il cadavere ha una profonda ferita sul collo

L’agguato

L’omicidio è avvenuto nei pressi di una campagna, ma il delitto ancora non ha spiegazioni. Secondo i primi accertamenti, infatti, il 24enne è risultato incensurato e la vittima non risulterebbe avere avuto parentele o frequentazioni con ambienti della criminalità organizzata.

Sul luogo dell’omicidio sono accorsi i carabinieri che hanno avviato immediatamente le indagini per ricostruire i fatti e individuare il movente dell’omicidio. Da quello che si è appreso, il giovane lavorava come operaio. I proiettili sparati da distanza ravvicinata mentre era al volante gli hanno fatto perdere il controllo della vettura, che così è sbandata andando a schiantarsi fuori strada.

L’ipotesi è che la sua auto sia stata affiancata da un mezzo dal quale sono partiti i colpi di arma da fuoco che lo hanno ucciso.

Continua a leggere su TheSocialPost.it