Vai al contenuto

Elezioni in Basilicata, Bardi confermato: esulta il centrodestra

Pubblicato: 23/04/2024 07:10

Ore 21:30 Ufficiale la vittoria di Bardi

Quando sono state scrutinate 344 sezioni su 682, Vito Bardi ha ottenuto il 55,7 per cento dei voti, contro il 42,82 per cento di Marrese. Guardando all’interno delle liste, Fratelli d’Italia ha ottenuto il 15,97%, seguita da Forza Italia (12,24%), Orgoglio Lucano (8,07%), Azione con Calenda (7,8%), Lega (7,15%), La vera Basilicata (2,8%) e Unione di centro (2,4%). Nel centrosinista il Pd ha ottenuto il 14,84%, seguito da Basilicata casa comune al 10,4%, M5S al 7,97%, Allleanza verdi Sinistra al 5,87 % e Basilicata unita (3,1%).

Nel commentare la sconfitta, Piero Marrese del centrosinista ha incalzato Calenda, accendendo subito una feroce polemica: “C’è un pezzo del centrosinistra che si è staccato da noi ed è andato a finire lì e gli ha dato la forza per vincere. Aspettiamo i risultati finali ma con ogni probabilità il vero vincitore è Marcello Pittella con Azione, che è stato determinante per farli vincere”.

Ha festeggiato invece Giorgia Meloni: “Vittoria del centrodestra e di tutta la coalizione in Basilicata, con Vito Bardi riconfermato Presidente della Regione. Ringrazio di cuore tutti i cittadini che hanno voluto confermare il loro sostegno alle nostre politiche. La vostra fiducia è il motore che ci spinge avanti ogni giorno. I miei auguri di buon lavoro a Vito Bardi, alla giunta che si insedierà e ai consiglieri eletti. Avanti con impegno e determinazione”.

Ore 19:10 Il centrodestra festeggia

“Dai dati che arrivano dai seggi è chiaro che c’è la tendenza di una vittoria netta del centrodestra e di Bardi. Si confermano le già rosee previsioni dei sondaggi che sono il frutto del lavoro fatto dal governatore in questi anni, anche nell’allargare la coalizione a forze più riformiste che hanno riconosciuto nel buongoverno di Bardi un approdo migliore per i loro progetti e programmi”. Lo ha detto Raffaele Nevi, vicecapogruppo vicario alla Camera e portavoce di Forza Italia intervistato da Rainews24, a fronte di dati sempre più netti.

Con 81 sezioni scrutinate su 682, Vito Bardi è infatti al 57,28% delle preferenze, staccato in maniera decisa dal rivale di centrosinistra Piero Marrese (41,41%). Eustacchio Follia è invece all’1,31%.

Ore 18:45 Bardi prende il largo

Con 30 sezioni scrutinate su 368, in base ai dati del Viminale, il presidente uscente Vito Bardi (Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, Udc, Azione, Orgoglio lucano, La vera Basilicata) risulta in testa con il 58,3%, mentre il candidato del centrosinistra Piero Marrese (Pd, Movimento 5 stelle, Basilicata casa comune, Basilicata unita, Avs-Europa verde-Sinistra italiana-Psi-La Basilicata possibile) si colloca poco sopra il 41%. Il candidato Eustachio Follia (Volt) è fermo a 0,60%.

Rassegnazione ormai nel Pd. ” Ringrazio Piero Marrese, che ho accompagnato in alcuni appuntamenti elettorali nelle settimane e nei giorni scorsi. Ha condotto una battaglia senza mai risparmiarsi, assieme alla comunità democratica della Basilicata, in condizioni difficili. Dobbiamo, infatti, riconoscere di essere arrivati al voto dopo aver commesso errori, che hanno condizionato il risultato”: ha detto l’eurodeputata dem Pina Picierno intervenendo a Rainews 24.

Leggi anche: “Divisivo”. Europee, arriva la decisione a sorpresa di Elly Schlein: l’annuncio

Ore 18:20 Aria di resa nel Pd

Procedono a rilento gli scrutini in Basilicata ma il dato sembra già molto netto: quando le sessioni scrutinate sono 22 su 682, il governatore uscente Bardi sostenuto dal centrodesta è avanti con il 54,2% delle preferenze, contro il 45,1% di Piero Marrese del centrosinistra. In casa Pd è già iniziato il momento del confronto.

“Ringrazio Piero Marrese perché ha fatto una battaglia molto difficile. Ci si è arrivati tardi. Siamo arrivati a questo appuntamento elettorale dopo aver fatto molti errori. È successo di tutto. Penso che il risultato sia l’effetto degli errori che ci sono stati nella composizione della coalizione. Con M5S c’è la necessità di stabilire alcuni regole che devono valere sempre. Occorre darci un perimetro. Non si può, di volta in volta, decidere in maniera diversa”, ha detto la vicepresidente del Parlamento europeo, Pina Picierno, esponente del Pd, commentando ai microfoni di Rainews24.

Ore 17:55 Primissimi dati ufficiali

Primi dati reali delle elezioni regionali in Basilicata. Quando sono state scrutinate 10 sezioni su 682, in base ai dati del Viminale, il governatore uscente e candidato del centrodestra, Vito Bardi (Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, Udc, Azione, Orgoglio lucano, La vera Basilicata) è in testa con il 60,36%, mentre il candidato del centrosinistra Piero Marrese (Pd, Movimento 5 stelle, Basilicata casa comune, Basilicata unita, Avs-Europa verde-Sinistra italiana-Psi-La Basilicata possibile) al 38,67%. Il candidato Eustachio Follia (Volt) resta invece fermo al solo 0,96%.

Ore 16:30 Chi è Vito Bardi, il grande favorito

Nato nel 1951, Vito Bardi è il presidente della Basilicata uscente. Stando ai primi dati, la sua riconferma sembra davvero a un passo, con il centrodestra già pronto a esultare. Potentino, generale, è stato vicecomandante della Guardia di finanza, corpo militare dove ha seguito l’intera carriera fino alla pensione raggiunta nel 2014. Ha iniziato con le Fiamme gialle frequentando la Scuola militare Nunziatella di Napoli, presso la quale ha conseguito il diploma di maturità classica e ben quattro lauree: economia e commercio, giurisprudenza, scienze internazionali e diplomatiche, scienze della sicurezza economica e finanziaria, oltre a un master in diritto tributario.

Bardi non si è ancora fatto vedere nel comitato elettorale allestito all’interno dell’albergo La Primula, nel quartiere Bucaletto di Potenza. Al momento, anche per scaramanzia, ha scelto la prudenza. Nelle ore precedenti si è trattenuto nel ristorante dell’albergo, insieme a una decina tra assessori e collaboratori, per degustare una selezione di piatti tipici.

Ore 16:15 – Affluenza al 49,8%, dato in calo rispetto al 2019

È stata del 49,8% degli aventi diritto al voto l’affluenza definitiva alle urne per le elezioni regionali in Basilicata, appuntamento molto atteso dalle principali forze politiche come banco di prova chiave in vista delle Europee. Nel 2019, quando si votò solo la domenica, era stata del 53,52.

Ore 15: 10 Elezioni in Basilicata, Instant Poll: Bardi in testa

Nel testa a testa, sempre secondo gli istant pool, Bardi sarebbe in vantaggio con un tesoretto attestato tra il 53-57%, seguito da Marrese (41-45%). Paolo Barelli, capogruppo di Forza Italia alla Camera, ha commentato così a spoglio appena iniziato: “Bardi è stato candidato alla presidenza della regione Basilicata da Forza Italia. E la sua appartenenza ha permesso di aggregare nella coalizione, che lo sostiene anche altre forze moderate: Azione con la propria lista e Italia viva con candidati nella lista civica dello stesso governatore uscente…”.

Barelli non ha azzardato pronostici ma si è detto fiducioso sull’esito del voto (la conferma di Bardi) e anche sulla tenuta del partito in vista delle europee. Per Barelli proprio la prossimità della sfida a Bruxelles e le divisioni della sinistra hanno finito per trasformare la Basilicata nell’Ohio italiano dolo il successo in Abruzzo del centrodestra, a cominciare proprio dal partito di Silvio Berlusconi. “L’importanza e l’attenzione dei media e della politica a queste elezioni lucane -spiega all’Adnkronos il presidente dei deputati azzurri- è evidente, sia perché avviene a circa due mesi dalle elezioni europee, e sia per il baccano fatto dalla sinistra anche in Basilicata, rendendo questa elezione come quella dell’Ohio alle presidenziali americane…”.

Leggi anche: Noodles istantanei con allergeni non dichiarati: scatta il ritiro dal commercio, ecco i lotti da non consumare

Continua a leggere su TheSocialPost.it