Vai al contenuto

Arriva in ospedale con dolori fortissimi e scopre un raro tumore, il chirurgo: “Intervento delicatissimo”

Pubblicato: 10/05/2024 18:05

“Il tumore, un paraganglioma extrasurrenalico, neoplasia di origine neuroendocrina, era attaccato all’aorta, una zona delicata. Basta un errore di meno di un millimetro e non si può più tornare indietro, con il rischio di rompere il più grosso vaso sanguigno che abbiamo nel nostro organismo. Un intervento delicatissimo, tecnicamente difficile, che è durato diverse ore” spiega così il dottor James Casella l’intervento fatto su un paziente di soli 18 anni arrivato al pronto soccorso con forti dolori in testa e a cui è stato diagnosticato un tumore rarissimo.
Leggi anche: “Scoprire i tumori con anni di anticipo”. L’incredibile scoperta: si salveranno tante vite

“Il paziente è arrivato in ospedale con cefalea e forti dolori alla pancia, ma soprattutto irradiato alla schiena. Questo perché l’aorta si trova in zona retroperitoneale, cioè dietro all’intestino e per questo, quindi, aveva anche dolore a livello della colonna e della schiena, quasi a mimare una colica renale”, ha spiegato il dottor Casella.

Un tumore rarissimo scoperto in maniera del tutto casuale ha portato il giovane 18enne sotto i ferri: “Nel caso del ragazzo, si tratta di una patologia molto rara. È stata una sfida, ci siamo confrontati con tutti gli specialisti per poter fare una valutazione e procedere. Questo ospedale ha una completezza di specialità adatta a fare una valutazione anche in casi complessi e delicati come quello del 18enne . I genitori si sono affidati subito a noi, hanno capito evidentemente fin da subito qual era il nostro approccio in termini di rapporto con il paziente e in termini di capacità professionali. Si sono affidati a noi senza alcuna remora e li ringrazio”.

Al giovane dopo l’intervento brillantemente riuscito, spetta un periodo di riposi e controlli. “Dovrà fare dei controlli. L’asportazione è stata radicale, non è rimasto alcun tessuto tumorale residuo, ma essendo una patologia rara non è escluso che non possa ricomparire altrove, quindi i controlli dovrà farli senz’altro” ha infine spiegato il medico Casella, chirurgo presso l’ospedale dei Castelli di Ariccia, provincia di Roma.

Leggi anche: Roberto Basso è stato assassinato brutalmente: l’esito dell’autopsia

Ultimo Aggiornamento: 15/05/2024 12:26

Continua a leggere su TheSocialPost.it