Vai al contenuto

Incendio in casa di riposo: 15 anziani salvati da due poliziotti eroi

Pubblicato: 16/05/2024 10:58

Le fiamme altissime e 15 persone anziane letteralmente intrappolate. Poi il loro arrivo: quello di due poliziotti che sono riusciti a portarli in salvo. Poteva trasformarsi in una strage l’incendio scoppiato in una casa di riposo a Marzana, una frazione di Verona nella serata tra lunedì 13 maggio e martedì 14. A dare l’allarme è stata un’operatrice socio sanitaria della struttura, riporta VeronaSera. Mentre la notizia veniva diramata nelle radio delle volanti, due poliziotti della sala operativa della questura, Andrea e Matteo, hanno cercato di tranquillizzare la donna in modo tale da raccontare loro quello che stava succedendo. Al secondo piano, dov’era partito il rogo, erano intrappolate 15 persone in sedia a rotelle e in condizioni gravi, per cui non riuscivano a muoversi. Così i due agenti si sono precipitati subito sul posto, dove hanno contattato il 118 e i vigili del fuoco di Verona.
Leggi anche: Bolzano, incendio nella sede di Alpitronic: fumo e fiamme, chiuso lo spazio aereo sulla città
Leggi anche: Bologna, stupra quattro anziane tra 80 e 96 anni nella casa di riposo dove lavora e filma le violenze

I poliziotti eroi

Nel giro di poco tempo, le fiamme sono divampate e aspettare un solo secondo in più equivaleva mettere a rischio la vita delle persone rimaste all’interno del centro: a quel punto, i due poliziotti hanno deciso di coordinarsi e si sono separati: Andrea è andato a prendere un estintore per cercare di spegnere le fiamme, mentre Matteo si è precipitato nelle stanze del secondo piano. Con l’aiuto del personale della struttura, i due agenti sono riusciti a mettere i 15 anziani al sicuro. 

«Scampato il pericolo – ha scritto la polizia – nei volti di Andrea e Matteo, dopo una notte di intenso lavoro, rimane la gioia di aver salvato la vita a degli anziani indifesi, che da ieri notte hanno due “nuovi nipoti” su cui contare».

Indagini in corso

Per accertare la causa dell’incendio è stata avviata un’indagine. A lasciare una dichiarazione sul rogo è stato Stefano Gottardi, segretario Uil Flp Verona: «È cruciale condurre un’indagine tempestiva sulle cause di questo grave incidente, che mette in luce ulteriori carenze strutturali e una mancanza di rispetto dei protocolli di sicurezza. Il personale ha segnalato problemi legati alle porte di sicurezza, confermati anche dalle prime valutazioni dei Vigili del Fuoco intervenuti. Dopo le verifiche in corso, otterremo maggiori dettagli. Serve una riforma sostanziale di questi centri, che aspettiamo da anni, ma la Regione Veneto non ha fornito risposte e risorse aggiuntive per salvaguardare questo settore, per aumentare gli investimenti sulla sicurezza dei lavoratori e dei pazienti ed evitare, così, il ripetersi di eventi drammatici come questo». 
Leggi anche: Bambino di 6 anni tenta di salvare il fratellino di 3 dall’incendio: muoiono abbracciati. I genitori donano gli organi

Continua a leggere su TheSocialPost.it