Vai al contenuto

Lutto nel mondo del calcio: morto Ahmed Refaat, l’ex calciatore della nazionale egiziana aveva 31 anni

Pubblicato: 07/07/2024 09:21

Una terribile notizia ha colto di sorpreso il calcio in Egitto e non solo. Ahmed Refaat, giocatore del Modern Sport Future e della nazionale egiziana, è morto ieri mattina all’età di 31 anni. Ad annunciarlo è stato direttamente il club in cui militava il calciatore attraverso un comunicato apparso sui canali ufficiali del club.
Anche Mohamed Salah, leggenda del Liverpool e del calcio egiziano, ha voluto ricordare attraverso i profili social Ahmed Refaat.

 A comunicare la terribile informazione è stato per l’appunto il club che deteneva il cartellino delle prestazioni sportive dell’atleta. Purtroppo il suo decesso è avvenuto, mentre era in ospedale. Il calciatore era stato colto da un infarto a marzo, durante una partita, e per 9 giorni era finito in coma. “Con grande dolore e tristezza, Modern Sport Club annuncia la morte di Ahmed Refaat, giocatore della prima squadra e della nazionale egiziana. A seguito di un forte peggioramento delle sue condizioni di salute, il ragazzo è stato trasferito in ospedale. Il club porge le sue sincere condoglianze alla famiglia del giocatore e ai tifosi egiziani”.
Leggi anche: Lutto nel calcio: addio all’allenatore Fabio Melillo. Il dolore della squadra

Formatosi calcisticamente nell’ENPPI Club, da lì Refaat aveva avviato la sua carriera da calciatore, culminata con 7 presenze nella nazionale dell’Egitto, con cui – con la selezione Under 20 – nel 2013 aveva trionfato in Coppa d’Africa. Il debutto con la nazionale maggiore era arrivato sempre nel 2013 durante una partita amichevole contro l’Uganda, mentre l’ultima uscita internazionale risale al giugno del 2022, nella sconfitta dell’Egitto per 4-1 contro la Corea del Sud. 

L’infarto è avvenuto mente si stava giocando la partita fra Modern Future e Al-Ittihad Alexandria. Il giocatore si era accasciato al suolo. Inizialmente sembrava che il peggio fosse superato dopo che gli erano state apportate le cure del caso una volta portato d’urgenza in terapia intensiva. Gli era stato implementato un pacemaker, in seguito la ripresa che sembrava far sperare per il meglio fino alla tragica notizia delle scorse ore.

Continua a leggere su TheSocialPost.it