primo piano marco vannini

L’indignazione per la sentenza d’appello che ha ridotto la condanna di Antonio Ciontoli facendola passare da 14 a 5 anni non si arresta. Ieri, a Chi l’ha visto? la madre di Marco Vannini ha espresso tutta la sua rabbia per quanto deciso dai giudici. Alla sua indignazione si è aggiunta anche quella di Federica Sciarelli, la conduttrice del programma, che non ha potuto fare a meno di commentare il comportamento dei giudici dopo la bagarre esplosa in aula alla lettura della sentenza.

Le parole della madre di Marco Vannini

Marina Conte non ci sta e la sentenza di secondo grado che alleggerisce la condanna ad Antonio Ciontoli per lei è un’ingiustizia.

Suo figlio Marco Vannini è stato ucciso da un colpo di pistola partito dall’arma di Antonio Ciontoli, il padre della sua ragazza, il 17 maggio 2015, quando era ospite a casa sua. Se fosse stato soccorso in tempo ce l’avrebbe fatta, ma la famiglia Ciontoli ha chiamato i soccorsi quando era ormai troppo tardi, lasciandolo agonizzante per ore.

Marco Vannini: il commento di Federica Sciarelli

La famiglia Vannini

Marina Conte ieri ha commentato così la sentenza: “Sto malissimo, sfido chiunque a non reagire così davanti a una sentenza che non so da dove hanno preso.

Era tutto scritto negli atti, c’erano le registrazioni delle chiamate al 118, le sue urla“. Poi, aggiunge che secondo lei la famiglia Ciontoli è coperta da qualcuno e, riferendosi ai giudici, ha dichiarato: “Io voglio vedere se era un figlio loro, sono avvelenata, in questo momento devo riprendere forza, ma non mollo. Adesso devo valutare come andare avanti perché la giustizia per Marco ci deve essere… A queste persone è stato regalato tutto.

Sono protetti da qualcuno, adesso mi viene questo tarlo. È una vergogna“.

TUTTI GLI ARTICOLI SULL’OMICIDIO DI MARCO VANNINI

Il commento di Federica Sciarelli

Durante Chi l’ha visto?, Federica Sciarelli ha mostrato il video in cui i giudici hanno letto la sentenza che ha scatenato l’ira e l’indignazione dei presenti.

Il giudice che stava leggendo si è rivolto alla madre di Marco Vannini che in aula stava urlando “Vergogna!” dicendo: “Questa è un’interruzione di pubblico servizio ai sensi dell’articolo 340 del Codice Penale obbligo 343 se volete farvi una passeggiata a Perugia ditelo“.

Dopo la frase del giudice, la madre di Marco Vannini è stata accompagnata fuori dall’aula. Il riferimento al Tribunale di Perugia riguarda il fatto che se i genitori di Marco Vannini avessero continuato a contestare i giudici della Corte d’Appello di Roma, sarebbero finiti a rispondere del reato di interruzione di pubblico servizio presso il Tribunale di Perugia. Infatti, come ha anche spiegato Federica Sciarelli, proprio il Tribunale di Perugia si occupa dei casi di reati contro i giudici del collegio di Roma: in sostanza, se si compie un reato contro un giudice della capitale quindi, bisognerà risponderne ad un giudice del Tribunale di Perugia.

Proprio questa frase suonata quasi come una “minaccia” ha suscitato il commento negativo di Federica Sciarelli che si è così espressa in merito: “Con che coraggio dici ad una madre ‘se volete farvi una passeggiata a Perugia ditelo’“. Le parole della giornalista sono state apprezzatissime dalle persone in rete.