emma marrone salvini

Riportiamo qui quello che sembra essere l’epilogo di una triste vicenda che ha avuto come protagonista un consigliere della Lega, Massimiliano Galli, e la celeberrima cantante italiana, Emma Marrone. La cantante era stata presa di mira dal consigliere di Amelia (Umbria) per aver urlato durante un concerto al Palasele di Eboli: “Aprite i porti“. Una frase che non era andata giù al consigliere leghista che l’ha redarguita con sprezzanti parole: “Faresti bene ad aprire le tue cosce, facendoti pagare per esempio“. Si è deciso di procedere con l’espulsione dal partito per Galli e ora, a rincarare la dose, è stato in prima persona Matteo Salvini.

Insulti sessisti ad Emma Marrone, interviene Salvini

Non c’è alcuna giustificazione che possa attenuare la volgarità e il sessismo del commento scritto dal consigliere leghista nei confronti della cantante Emma Marrone. Una frase, un pensiero e un gesto che non possono in alcun modo essere tollerati, ancor più se a compierlo è una persone che per pubblico ufficio, dovrebbe incarnare l’esempio. Se proprio si vuol cavare una morale da questa triste vicenda, è quella di non seguire affatto le orme del consigliere della Lega. Nei suoi confronti ha deciso di intervenire anche il leader del Carroccio, il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

emmamarrone

Emma Marrone sul palco di Ancona si difende dalle accuse e dagli insulti

Il vicepremier ha parlato da Piacenza, dove si trovava per far visita ad Angelo Peveri, l’imprenditore condannato a 4 anni e mezzo per tentato omicidio dopo aver sparato, ferendolo gravemente, al ladro che si aggirava nel suo cantiere. “Galli – ha tuonato Salvini – Ha detto un’idiozia, spero di riuscire ad entrare a un concerto di Emma Marrone se ne avrò il tempo“. Ma quelle del ministro non sono state le uniche parole spese in difesa della cantante: “Cara @real_brown, sono rimasta spiacevolmente colpita dall’orribile insulto sessista che le è stato rivolto.

Sono contenta che siano stati presi subito provvedimento contro chi si è espresso in modo indegno nei suoi confronti“, scrive su Twitter il ministro della Salute Giulia Grillo.

emmamarrone

Emma Marrone sul palco di Ancona si difende dalle accuse e dagli insulti. Fonte/Instagram Real Brown

Non diventerò mai come loro”

Poi, immancabilmente, sono giunte le sue parole, quelle di Emma Marrone stessa. “Io rispondo con L’amore” scrive la cantante in didascalia ad una foto postata su Instagram, in chiaro riferimento a quanto accaduto.

Durante il live avvenuto nei giorni scorsi ad Ancona, sempre Emma Marrone ha voluto tornare sull’argomento: “Io non sono arrabbiata. L’unica cosa, che mi dispiace profondamente è che mio padre e mia madre – si è così pronunciata Emma Marrone sul palco, lasciandosi andare a qualche lacrima – In queste ore hanno letto dei messaggi veramente brutti, violenti e cattivi. A me dispiace per loro perché nessun genitore vorrebbe vedere sua figlia trattata così per aver detto una cosa tranquilla, un pensiero libero“. Sempre dal palco di Ancona ha poi voluto continuare: “Volevo dire a tutte le persone che in questi giorni mi hanno offesa, infangata con parole forti e violente, volevo dire loro che non fa niente perché non diventerò mai come loro“.

@immagine in evidenza: Ansa