Napoli, gravi ancora le condizioni della bimba di 4 anni ferita nella sparatoria

Continuano le indagini per trovare i responsabili dello stupro ai danni di una ragazza di 15 anni, aggredita mentre tornava da scuola a Bolzano.

A quanto pare, le forze dell’ordine sarebbero sulle tracce di due individui di circa 20 anni, a quanto pare di origine nigeriana.

Diramato un identikit

Il caso dello stupro di Bolzano ha profondamente colpito l’opinione pubblica. La ragazza vittima di tale storia di violenza stava percorrendo, in pieno giorno, la strada che costeggia il fiume Talvera nella zona dello stadio Druso. A quanto pare, i due aggressori avrebbero avvicinato la giovane insultandola.

Uno dei due ricercati avrebbe colpito al volto e tramortito la giovane: l’altro, approfittando della debolezza della ragazza ferita, l’avrebbe presa e trascinata tra la boscaglia poco lontana. Lì, la ragazza avrebbe subito lo stupro da parte dei due ragazzi che sembra possano avere 22 e 27 anni. Dei due uomini è stato diramato in zona un identikit e pare possano essere due senzatetto di zona. Si ipotizza che possano anche essersi allontanati dalla città.

Aggredita e trascinata nella boscaglia

La giovane, dopo la violenza, è stata abbandonata sul posto e, con fatica, si sarebbe riavvicinata al sentiero dove è stata soccorsa da un passante che l’avrebbe trovata in stato di shock.

I sospetti sono stati individuati dalle forze dell’ordine grazie ad alcune tracce biologiche trovate sugli abiti della ragazza ed ai suoi racconti (sebbene la ragazza abbia fatto fatica a fornire numerosi dettagli).