fabio fazio

Fabio Fazio ha dichiarato che quella di domani sarà l’ultima puntata del lunedì di stagione di Che Tempo Che Fa. Il programma, in onda in prima serata anche la domenica, è stato oggetto di molte polemiche, legate al suo conduttore. Fabio Fazio ha subito molti attacchi da diverse forze politiche, tra cui Matteo Salvini, con cui c’è stata recentemente un’accesa querelle. Anche Marcello Foa, presidente della Rai, aveva fatto eco alle parole del ministro dell’Interno sul compenso del conduttore.

Fabio Fazio: Che Tempo Che Fa chiude in anticipo

Un annuncio che ha fatto sobbalzare diversi telespettatori dalla sedia: le prossime tre puntate del lunedì del programma non andranno in onda.

La notizia viene data dal conduttore all’inizio della puntata di stasera, in cui ricorda le soddisfazioni che Che Tempo Che Fa gli ha regalato. Con un milione e mezzo di telespettatori a puntata e una media del 13% di share, il format di Fazio era molto apprezzato dal pubblico. Meno dalla politica, che negli ultimi tempi ne ha fatto oggetto di una propaganda piuttosto violenta. Uno dei mali dell’Italia, la lottizzazione della Rai tanto stigmatizzata, è esplicitata dall’atteggiamento lassivo dei vertici nei confronti di queste bordate.

Fabio Fazio e Luciana Littizzetto
Fabio Fazio e Luciana Littizzetto

Lo scontro con Matteo Salvini e le dichiarazioni di Foa

Meno di due settimane fa, Marcello Foa, presidente della Rai in quota Lega e di stretta fede sovranista, aveva echeggiato le parole di Salvini.

Il compenso di Fabio Fazio è molto elevato“, ha detto sibillinamente, dopo che il vicepremier ha declinato l’invito del conduttore per amor di par conditio. Salvini a Pinzolo ha dichiarato che “Andare una domenica sera in una trasmissione da un tizio che prende 3 milioni di euro all’anno” era fuori questione e che avrebbe adempiuto quando Fazio si sarebbe dimezzato lo stipendio.

La replica del conduttore non si è fatta attendere: “Al di là della sua opinione su di me, che non mi permetto in questa sede di discutere, sarebbe stato invece interessante consentire al pubblico di Che tempo che fa di poter ascoltare le sue opinioni circa i temi dell’Europa, i recenti fatti tragici di Napoli, e naturalmente tutta l’attualità politica“.

Il caso è arrivato fino alla Corte dei Conti, ma è destinato ad aumentare il clamore dopo questa mossa della Rai che molti possono leggere come una prevaricazione politica sul servizio pubblico.