mano neonato culla

La piccola Sofia è nata giovedì con un parto cesareo eseguito d’urgenza all’ospedale CTO di Torino dopo che la mamma incinta all’ottavo mese è stata investita da un auto pirata a Orbassano. La neonata lotta ancora per la vita, ma le sue condizioni sembrerebbero lievemente migliorate da quando è riuscita ad aprire gli occhi e a succhiare il latte materno, ieri. Oggi, la piccola è stata battezzata e la mamma l’ha vista per la prima volta.

La piccola Sofia riceve il battesimo

Oggi, all’ospedale CTO di Torino la piccola Sofia ha ricevuto il battesimo con rito ortodosso e per la prima volta sua madre l’ha vista.

La bambina è stata sottoposta a ipotermia terapeutica dai medici per contenere i danni cerebrali, anche se ancora non è possibile stabilire se ne abbia riportati. La piccola è ancora in gravi condizioni: la madre è stata investita da un pirata della strada a bordo di una Fiat Stilo nera, sulle striscie pedonali della strada provinciale 6, a Orbassano, in provincia di Torino. I medici hanno immediatamente sottoposto la donna a un parto cesareo d’urgenza, ma la placenta, nell’impatto con l’auto, si era lesionata e questo ha comportato per la piccola una condizione di sofferenza generalizzata a fegato, polmoni, cuore, reni e cervello, come ha spiegato il dottor Farina primario di neonatologia al Sant’Anna.

Ieri, le condizioni della neonata sono apparse in leggero miglioramento: la piccola ha aperto gli occhi e ha succhiato il latte materno. La mamma di Sofia oggi ha visto la sua bimba per la prima volta: la neonata è stata battezzata nell’ospedale Sant’Anna. La funzione è stata celebrata proprio all’interno del reparto di terapia intensiva neonatale dove la piccola si trova ricoverata.

La mamma vede Sofia per la prima volta

La mamma di Sofia oggi ha visto per la prima volta la sua bambina.

Dopo che quel pirata della strada l’ha investita, la donna di 19 anni è ricoverata in rianimazione nello stesso ospedale Sant’Anna in cui si trova la sua bambina. Hanno assistito al battesimo di Sofia anche i nonni e il padre. Proprio il papà della piccola, Marius Stan, un uomo di 20 anni, giunto in Italia un anno fa, ha detto che a investire la compagna era stata una Fiat Stilo nera con uno specchietto retrovisore ammaccato. Il pirata della strada ha investito la donna ed è fuggito. Le indagini della polizia municipale di Orbassano vanno avanti a tutto spiano per individuarlo.