eliana pamela

Non resta che un cumulo di cocci sparsi a terra dell’amicizia tra Eliana Michelazzo e Donna Pamela Perricciolo. Mentre il caso mediatico più chiacchierato di tutti i tempi, il giallo Caltagirone, si sgonfia sotto le ormai inevitabili confessioni delle persone coinvolte, ovvero le manager e la showgirl Pamela Prati, il rancore diviene il sentimento che nonostante tutto continua a legarle.

Eliana e Pamela, socie e amiche per la pelle tanto da considerarsi sorelle, continuano ad addossarsi la responsabilità di questa bomba che gli è esplosa tra le mani. L’ultimo sfogo arriva proprio dalla Michelazzo, che nella notte ha pubblicato una lunga story in cui sembra rivolgersi proprio alla Perricciolo.

Lo sfogo nella notte

Le parole, o meglio gli hashtag, che usa Eliana Michelazzo nelle sue ultime stories hanno un certo peso. #malvagia, #perfida e #fintobene, come ad indicare che il sentimento di “sorellanza” che fino ad oggi l’ha legata alla Perricciolo fosse in realtà una menzogna. In una prima parte della story Eliana esprime tutta la sua frustrazione per essere stata soggiogata per anni dall’idea di un uomo che non esiste, il leggendario Simone Coppi, una storia in cui avrebbe investito tutto per poi realizzare che quel tutto fosse niente.

story-2
Story apparsa sul profilo Instagram di Eliana Michelazzo

Oltre che parli sei pure ladra e sai quanto ho pianto per Simone” scrive la Michelazzo. “Ho passato 10 Natali sola, senza la mia famiglia vera. Ah sì, ora dici che i profili li hai aperti all’università! Vergogna, ti sei presa gioco di me! Per fortuna che la legge fa le sue indagini. Fatti un esame di coscienza, tutto risale a te“.

La promessa di Eliana

Lo sfogo prosegue e allude chiaramente alle minacce di suicidio della Perricciolo. “Hai minacciato tante volte di morire con le gocce, mettendomi terrore… Dicendo che non uscivi più di casa… Pensi che ti avrei scritto muori?

Non pensi che ti avrei aiutata messaggiando tranquilla?“.

story-eliana
Lo sfogo di Eliana su Instagram

Poi quella che suona come una promessa solenne da parte della Michelazzo: “La scena del messaggio fa ridere… a breve lo pubblico“.