amanda knox

Amanda Know torna in Italia per la prima volta dal 2011, da quando è stata scarcerata dopo quasi 4 anni in cella, a seguito della sentenza della Corte d’Appello di Perugia che la dichiarava innocente per il delitto di Meredith Kercher. Knox ha condiviso sui social il suo ritorno per il Festival della Giustizia Penale che si terrà a Modena tra il 13 e il 15 giugno.

Amanda Knox torna in Italia dopo 8 anni

La giornalista torna in Italia, a Modena, dove interverrà durante il Festival della Giustizia Penale, in cui si tratterà il tema dell’errore giudiziario. Un argomento che Amanda Knox conosce bene: nel 2009, a 22 anni, è stata condannata a 26 anni di prigione per diversi reati compreso l’omicidio di Kercher, studentessa con cui condivideva l’appartamento a Perugia.

La Corte d’Assise d’Appello l’ha poi dichiarata innocente insieme a Raffaele Sollecito nel 2011, quando Knox è tornata negli Stati Uniti, sentenza confermata dalla Cassazione.

Visualizza questo post su Instagram

Here we go… Wish us, “Buon viaggio!”

Un post condiviso da Amanda Knox (@amamaknox) in data:

Amanda Knox ha dichiarato che il comportamento della Polizia durante gli interrogatori, che si sarebbero svolti senza un legale a rappresentarla, sarebbe stato tutt’altro che imparziale, avendola trattata come di fatto colpevole. La Corte europea di Strasburgo ha condannato l’Italia a risarcire la studentessa americana per non averle dato un equo processo.

“Torno da donna libera”

Amanda Knox ora si trova nuovamente in Italia insieme al fidanzato Christopher Robinson: “Torno da donna libera“, scrive su Instagram. Altri post pubblicati mostrano una certa apprensione nell’intraprendere il viaggio: “Mi sento provata, quindi ho fatto il mio poster motivazionale. ‘Tieni duro!’“, scrive a corredo di una foto in cui è appesa ad una parte rocciosa. Nei commenti i fan le chiedono se incontrerà Sollecito e se non ha paura a tornare in Italia dopo quello che è successo.

La nuova vita dopo Perugia

Amanda Knox è oggi una giornalista che collabora con diversi quotidiani di Seattle, la sua città natale.

Ha inoltre scritto un libro di memorie sul suo caso per aiutare i genitori a pagare gli enormi debiti contratti durante gli anni di processo a Perugia. Knox è diventata un’attivista che si occupa di giustizia penale e persone arrestate ingiustamente, argomento sul quale ha iniziato a condurre una serie di podcast.