mariotto guillermo

Guillermo Mariotto è stato ospite alla trasmissione del palinsesto estivo di Rai 1, Io e Te. Qui, nel salotto di Pierluigi Diaco, molti vip si raccontano in maniera intima e incondizionata.

Lo stilista e giudice di Ballando Con Le Stelle ha fatto con il padrone di casa una bella chiacchierata, partendo proprio dall’infanzia. Si descrive come una peste, da bambino, tanto che sua madre decise di mandarlo a scuola un anno prima della norma, tanto era irrequieto. E la sua di esperienza con i bambini? Mariotto di figli non ha voluto averne, una scelta consapevole che risale a tanti anni fa e di cui ha rivelato le motivazioni.

Dall’infanzia all’incontro col papa

Una vita ricca ed una carriera importante quella dello storico volto di Ballando Con Le Stelle. Lo stilista che ha avuto l’onore di vestire papa Benedetto VIX. “Parliamo di camici, stole, è un mestiere difficile, impegnativo. Tutto quello che riguarda il sacro dà un impegno fisico e mentale” racconta ricordando la sua esperienza. Ma il suo incontro con il sacro comincio anni prima quando ebbe modo di parlare con il pontefice Giovanni Paolo II. Wojtyla gli fece una bella ramanzina, dopo aver visto la sua collezione dal titolo “La Papessa” ispirata proprio all’abito talare.

“Mi tirò le orecchie di persona” racconta a Diaco. “Ci fu un’udienza privata. Lui fece il giro per avvicinarsi a me. Mi ritrovai genuflesso senza aver deciso di mettermi in ginocchio. Lui mi fa ‘Cosa va di moda?’ e io ‘Cose da pazzi’. E lui: ‘Ho visto’ e mi tirò le orecchie“.

Mariotto, però, è uno abituato ai rimproveri. A Io e Te ricorda il daffare che dava a sua madre.Da bambino ero una peste. Allagavo case, ero un piromane: davo fuoco alle tende di casa. Bisognava tenermi con il guinzaglio“. Poi aggiunge che un giorno sua madre disse a suo padre: “Portalo a scuola se no lo ammazzo“.

La scelta di non avere figli

Guillermo, in compagnia del pubblico di Io e Te ha affrontato anche un altro argomento molto importante: la scelta di non avere avuto figli, condizionata da un avvenimento della sua vita che lo ha profondamente segnato.

Avere figli? È successa una cosa che mi ha fatto giurare che non l’avrei mai fatto” ha dichiarato. “Avevo 14 anni. Mi sono detto: ‘Se è vero che c’è il libero arbitrio questo posso scegliere di non farlo’. Anzi, di non rischiare”. Poi ha cominciato il racconto. “Ti racconto cosa mi è successo. Ho visto la mia bisnonna piangere mia nonna sulla bara dicendo: ‘La mia bambina’. Ho pensato: ‘E se dovesse capitare che muore il tuo bambino?’. Ho scelto di non farlo. Sono uscito, sono andato nella macchina di mio padre e ho detto: ‘Se posso scegliere di non rischiare di vivere questo dolore lo faccio‘. Ho giurato di non avere figli proprio per la paura di vivere quello che aveva vissuto la mia bisnonna“.