balivo briatore gregoraci

L’ex coppia Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore è tornata ad infiammare il gossip in questi ultimi giorni. Un gossip passato anche per il salotto di Caterina Balivo. Ma qual è il motivo di tanto chiacchiericcio? La presunta liaison dell’imprenditore con la studentessa 20enne Benedetta Bosi.

La differenza d’età tra Briatore e Bosi è di una certa importanza: 49 anni. E la cosa ha sollevato una serie di aspre critiche da cui la stessa Bosi si è difesa. E mentre Flavio continua a ribadire che quella con Bendetta non è nulla più di un’amicizia, Elisabetta, sollecitata dai follower, ha detto la sua, cavalcando l’onda della polemica.

Cosa c’entra tutto questo con Caterina Balivo, vi domanderete. È presto detto: la questione è stata oggetto di dibattito nel programma di Rai 1 Vieni Da Me.

La polemica

La polemica coinvolge a tratti Briatore, a tratti la Gregoraci. In un primo momento molti utenti hanno commentato l’enorme differenza d’età tra Briatore e la nuova fiamma. Critica sostenuta dalla stessa ex moglie, che ha scritto in risposta ad un follower che la cosa la fa rabbrividire.

In un secondo momento è stata la Gregoraci a finire nel mirino delle critiche. Molti hanno tirato fuori dal mazzo la carta “da qual pulpito”, sottolineando che quando lei ha cominciato la sua relazione con l’imprenditore aveva 26 anni e che tra loro comunque c’è una differenza d’età di 30 anni.

Balivo difende Elisabetta Gregoraci

A farlo notare, proprio all’interno del dibattito che ha animato la puntata di Vieni Da Me, è Stefano Dominella. L’opinionista ha messo in risalto che anche tra Elisabetta e l’ex marito c’è un bel divario d’età.

È stato allora che è intervenuta la Balivo, per difendere a gamba tesa la Gregoraci. La Balivo ha zittito Dominella con un “Non mi toccare Elisabetta“. Al dibattito ha preso parte anche Riccardo Alessi, direttore di Novella 2000, il quale ha ricordato che Briatore ha più volte dichiarato di non avere una relazione con Bosi.

Alla luce di queste dichiarazioni, quindi, tutta la polemica non avrebbe alcun motivo di esistere. Allora come mai si continua a parlarne?