chiricozzi licci

Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci sono stati condannati. I due 20enni sono i protagonisti dello stupro avvenuto a Viterbo, all’interno di un pub, ai danni di una donna di 36 anni. Per i due la procura aveva chiesto il giudizio immediato.

Stupro di Viterbo: le condanne

Il Tribunale di Viterbo si è espresso in merito allo stupro ai danni di una donna di 36 anni. Alla sbarra i due 20enni militanti di Casapound, Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci. Il processo si è concluso con rito abbreviato e ha visto una condanna a 3 anni per Chiricozzi e a 2 anni e 10 mesi per Licci.

Lo stupro è avvenuto nella notte tra l’11 e il 12 aprile scorso, quando i due portarono la donna nel pub dopo averla stordita con dei farmaci. Lì si è consumato lo stupro, andato avanti per 3 ore. Violenze che sono state filmante e condivise con amici e parenti.

Un risarcimento alla vittima

Oltre alle rispettive condanne, il giudice Elisabetta Massini ha stabilito un risarcimento per la vittima per un totale di 40mila euro. Lo scorso settembre i due avevano ottenuto gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

La vittima e due associazioni contro la violenza di genere hanno presentato la richiesta di costituzione di parte civile, che il giudice ha respinto. L’udienza e la camera di consiglio sono durate in totale 7 ore; grazie al rito abbreviato i due hanno ottenuto lo sconto di un terzo della pena. I due sono stati inoltre assolti dal reato di lesioni per aver colpito con un pungo la vittima.